venerdì 24 marzo 2017

40 copie in palio del nuovo libro di Wilbur Smith


Milioni di lettori stanno aspettando con trepidazione il 3 aprile. È il giorno dell'uscita di L'ultimo Faraone, il nuovo romanzo di Wilbur Smith, ambientato nell'antico Egitto.
Per festeggiare l'evento, l'editore Longanesi mette in palio 40 copie dell'edizione speciale da collezione (taglio dorato, tiratura limitata) autografate dall'autore, re della narrativa d'avventura a livello planetario. Partecipate subito al concorso, ci sono ancora pochi giorni di tempo.

mercoledì 22 marzo 2017

Fresco fresco di acquisto... con dedica dell'autore!


Erotico caos
di: Giuseppe Pellegrino

Formato: copertina flessibile
Pagine: 136
Editore: ArgoMenti Edizioni (febbraio 2017)
ISBN: 9788894173284
Prezzo: 10 euro

Il caos che alberga nell'anima umana, quando il tempo passa e lo riconosci in una foglia soffiata via dal vento.
Giuseppe Pellegrino, nella sua ultima raccolta di poesie, Erotico Caos insegue la vita più di ogni altra cosa. Si avverte la consapevolezza delle cose, di quelle fatte e di quelle per cui non c'è tempo. Nella corsa della vita, ci si ritrova assenti di vita stessa. Il vivere si trasforma in "passare". Il tempo che passa e porta via con sé tutto, anche l'anima. E confondi "l'esser vivo col radersi la barba ogni mattina".
Erotico Caos non è il primo lavoro letterario di Pellegrino. Ha, infatti, esordito nel 2013 con Mostruosità letterarie - diario di autoterapia, edito da Milella Spazio Vivo (Lecce). Nel 2014 esce il suo secondo lavoro Interni d'Uomo e nel 2016 Assoluto Relativo, entrambi editi da Besa. Con la realizzazione editoriale di Argomenti Edizioni e la collaborazione di Chiara Papa, Erotico Caos è una raccolta di poesie in cui la realtà e l'immagine di essa si fondono insieme, divenendo un archetipo surreale e quanto mai reale essenza delle cose.
Grandi temi quelli trattati dal poeta, che attraverso un excusus interiore fa emergere naturale riflessione, attraverso una poesia che, leggendola, diviene musica. Traspira dalla poesia l'anima di un uomo che la vita ha reso poeta. Perché Erotico Caos non è semplicemente una raccolta di poesie, ma la materializzazione delle emozioni di un uomo da cui riaffiora l'essenza della cosa sensibile, quello che Platone chiama l'eidos, l'essere che veramente è. Il silenzio diviene melodia e in essa il poeta si fa beffa della solitudine, che guardinga ammutolisce la ragione, ma non il cuore.
Cosa c'è di più caotico e insopportabile del non vivere? Nei versi di Pellegrino, emerge la straordinaria ragionevolezza dell'essere. L'emozione sorge dal profondo e diventa scrittura. E c'è il tempo. C'è amore. C'è morte. E c'è vita.
Nella corsa della vita, l'affannosa ricerca dei successi, nella vana convinzione possa elevarci ad appagamento superiore, finisce per farci regredire in una sorte di vertigine, in cui si perde il senso di ogni cosa e quello che credevamo poter essere vita, diviene morte. E ci si rende conto, che ben altre forse sarebbero state le strade da percorrere, altre le scelte da fare. Si vuole "percorrere a ritroso il tempo, fino a uterina regressione per poter scegliere tra le possibilità avute e non ancora realizzate". Che cosa rimane della propria esistenza, quando tutto è ricerca di potenza? Nulla. La vita scorre tra le dita come piccoli granelli di sabbia e ben presto ci si accorge che l'infinito non è altro che semplicità. Il coraggio del poeta a non arrestarsi al rigore della ragione, ma ricercare l'insensato con un pizzico di follia, ricercare la libertà, cavalcare la vita e rompere gli schemi è un invito di riflessione a non arrendersi alla schiavitù di un'esistenza arida di passione e sentimento; è un invito a un costante godimento del viaggio, prima che l'orologio della vita interrompa il suo ticchettio.
Nella poesia di Giuseppe Pellegrino si percorre un forte richiamo alla società di oggi. In una società in cui l'ego smisurato nasconde aride anime dietro maschere senza volto, Pellegrino invita le vere intelligenze a non arrendersi davanti alla volgarità di finti intellettuali, ma a farsi esercito "ed arginare l'espansione della marea del nulla del pensiero". Pellegrino spinge al limite della grandezza il significato della vita, il senso del tempo e ai suoi massimi livelli il concetto di amore.
I versi accolgono i pensieri del poeta in un abbraccio caldo e disteso, come se le parole si posassero adagio sui fogli bianchi. Le emozioni partono dal profondo per diventare parole e le parole divengono poesia seguendo un percorso naturale, senza forzature. L'amore, il grande motore dell'Universo, nella poesia di Pellegrino è romanticamente erotico. Si spinge fino a toccare il punto più alto dell'amore erotico, senza mai raggiungerlo davvero. Rimane romantico, pulito, eroticamente puro.
La poesia di Pellegrino è più di un semplice componimento poetico. E' vera bellezza spirituale. E’ canto e gioia. Dalla consapevolezza che nulla è eterno e tutto scorre così veloce, non emerge disarmante abbandono ma inno alla vita e all'amore, spinto da un insaziabile desiderio dell'anima.

martedì 21 marzo 2017

[Recensione] La verità sul caso Harry Quebert

La verità sul caso Harry Quebert
di: Joël Dicker

Formato: Kindle
Dimensioni file: 2389 KB
Pagine: 775
Editore: Bompiani (21 maggio 2015)
ASIN: B00XXONOQM
Data di acquisto: 30 novembre 2015
Letto dal 14 al 21 marzo 2017

----- Sinossi -----
Estate 1975. Nola Kellergan, una ragazzina di 15 anni, scompare misteriosamente nella tranquilla cittadina di Aurora, New Hampshire. Le ricerche della polizia non danno alcun esito. Primavera 2008, New York. Marcus Goldman, giovane scrittore di successo, sta vivendo uno dei rischi del suo mestiere: è bloccato, non riesce a scrivere una sola riga del romanzo che da lì a poco dovrebbe consegnare al suo editore. Ma qualcosa di imprevisto accade nella sua vita: il suo amico e professore universitario Harry Quebert, uno degli scrittori più stimati d'America, viene accusato di avere ucciso la giovane Nola Kellergan. Il cadavere della ragazza viene infatti ritrovato nel giardino della villa dello scrittore, a Goose Cove, poco fuori Aurora, sulle rive dell'oceano. Convinto dell'innocenza di Harry Quebert, Marcus Goldman abbandona tutto e va nel New Hampshire per condurre la sua personale inchiesta. Marcus, dopo oltre trent'anni deve dare risposta a una domanda: chi ha ucciso Nola Kellergan? E, naturalmente, deve scrivere un romanzo di grande successo. La verità sul caso Harry Quebert è un fiume in piena, travolge il lettore e lo calamita dalla prima all'ultima pagina. è il giallo salutato come l'evento editoriale degli ultimi anni: geniale, divertente, appassionante, capace di stregare prima la Francia, poi il mondo intero.

----- La mia recensione -----
"Un bel libro, Marcus, non si valuta solo per le sue ultime parole, bensì sull'effetto cumulativo di tutte le parole che le hanno precedute. All'incirca mezzo secondo dopo aver finito il tuo libro, dopo averne letto l'ultima parola, il lettore deve sentirsi pervaso da un'emozione potente; per un istante, deve pensare soltanto a tutte le cose che ha appena letto, riguardare la copertina e sorridere con una punta di tristezza, perché sente che quei personaggi gli mancheranno. Un bel libro, Marcus, è un libro che dispiace aver finito".
Si tratta di un libro nel libro che diventa anche un gioco "ad incastri" tra i tanti personaggi che affollano il romanzo; e ad ogni capitolo cambia anche il tuo giudizio nei loro confronti... compresa Nola, la quindicenne al centro del mistero, che da musa inspiratrice diventa, via via che scorrono le pagine, ragazzina indifesa, ragazzina disinibita, ragazzina pazza e, infine (per usare il termine contenuto nel romanzo) puttanella consenziente.
Thriller dalle atmosfere cupe ottimamente strutturato; la storia accattivante e la suspense in essa contenuta invogliano il lettore ad andare avanti senza sosta. E spettacolare è anche la rivelazione finale: durante lo scorrere delle pagine cominci a costruirti mille teorie e mille ipotesi... ma tutto crolla quando arrivi alla fine e finalmente scopri come sono andate davvero le cose.
Voto: (5 su 5)

Clicca qui e scarica le mie note e le parti che ho sottolineato

lunedì 20 marzo 2017

Taccuini "Field Notes" [Recensione]


Ero alla ricerca di un qualche accessorio che mi consentisse di prendere appunti "al volo" ma che, allo stesso tempo, non fosse molto ingombrante o pesante, in modo tale da poterlo avere sempre a disposizione (nelle stagioni fredde nel cappotto e in quelle calde nel borsello o nella tasca dei pantaloni). Dopo aver provato innumerevoli block-notes e taccuini vari, la mia scelta è definitivamente caduta sui taccuini Field Notes dell'omonima azienda americana, che per la loro realizzazione si è ispirata ai taccuini degli agricoltori, impegnati a prendere appunti durante i lavori nei campi (non a caso Field Notes si traduce, più o meno, con "Note di campo"). Di questi taccuini esistono diverse versioni (a righe, a quadretti, con pagine completamente bianche, con copertina colorata o, ancora, in edizioni limitate per i collezionisti).


Purtroppo dalle nostre parti non sono molto diffusi, anche perché i siti di vendita online che li hanno in catalogo sono ancora pochissimi. Io ho preso i Field Notes su Amazon (un pacco da tre pezzi costa 10,35 euro più 2,99 di spedizione), con pagine a righe e copertina classica... tanto mi servono, come ho detto prima, solo per prendere appunti durante il lavoro o mentre sono in giro, non li devo collezionare o farci chissà che cosa...
Le loro dimensioni sono 9x14 centimetri e sono composti da 48 pagine con angoli arrotondati, tenute insieme da ben tre punti metallici. E questo formato, piccolo sì ma molto pratico, è il motivo che mi ha fatto subito innamorare dei Filed Notes: non ingombrano le tasche e, in assenza di giacca o cappotto, possono stare comodi anche nelle tasche dei pantaloni o nel taschino della camicia. Bella e funzionale la pagina 2 di copertina, dove possiamo inserire i nostri dati personali e vari recapiti in caso di smarrimento del taccuino stesso; invece, a pagina 3 di copertina trovano posto una serie di indicazioni utili e curiose: ecco, allora, la storia dei Field Notes, gli usi pratici che se ne possono fare e le specifiche tecniche.


L'unica controindicazione è data dall'uso con le penne stilografiche, o almeno con quelle che hanno caricato un inchiostro molto fluido... perché, in tal caso, essendo le pagine di questi taccuini di ottima qualità ma abbastanza sottili, c'è il rischio che l'inchiostro attraversi la carta e renda inutilizzabile anche l'altro lato del foglio (guardate le ultime due foto di questo post). Ottime invece l'uso delle comunissime penne a sfera, matite o a gel.


I Field Notes possono essere acquistati anche direttamente sul sito web del produttore: si può pagare o con carta di credito o con PayPal ma ovviamente, essendo un prodotto che ci verrà spedito dagli USA, per la consegna bisogna aspettare i tempi tecnici del caso.

domenica 19 marzo 2017

La classifica dei libri più venduti (nella settimana dal 5 all'11 marzo 2017)

Questi i libri più venduti nella settimana dal 5 all'11 marzo:

1. Francesca Cavallo e Elena Favilli: Storie della buonanotte per bambine ribelli. 100 vite di donne straordinarie (Mondadori)
2. Kent Haruf: Le nostre anime di notte (NN editore)
3. Alan Friedman: Questa non è l'America (Newton Compton)
4. Mario Giordano: Vampiri. Nuova inchiesta sulle pensioni d'oro (Mondadori)
5. Alessandro D'Avenia: L'arte di essere fragili. Come Leopardi può salvarti la vita (Mondadori)
6. Lorenzo Marone: Magari domani resto (Feltrinelli)
7. Chiara Gamberale: Qualcosa (Longanesi)
8. Franco Berrino e Luigi Fontana: La grande via. Alimentazione, movimento, meditazione per una lunga vita felice, sana e creativa (Mondadori)
9. Andrea Vitali: A cantare fu il cane (Garzanti)
10. Donatella Di Pietrantonio: L'arminauta (Einaudi)

[settimana precedente]

venerdì 17 marzo 2017

Tex Classic n. 2: La mano fantasma

Tex Classic, albo n. 2: La mano fantasma

Già, Tex Willer! Con tutti quegli avvisi di taglia appiccicati a ogni albero della regione, mi riconoscerebbe anche un neonato!

Data di uscita: 17 marzo 2017
Soggetto e sceneggiatura: Gianluigi Bonelli
Disegni e copertina: Aurelio Galleppini
Colori: GFB Comics
Prezzo di copertina: 2,90 euro

In punto di morte, Joe Scott ha rivelato i nomi dei rapinatori della banda che si firma "La Mano Rossa". Dopo che Tex, intenzionato a liberarsi di un'ingiusta accusa di omicidio, ha sfoltito i componenti della gang, ai sopravvissuti Topler e Welles non rimane che reclutare altri malviventi: formata la "Nuova Mano Rossa", tornano a seminare terrore in tutto il Texas!

giovedì 16 marzo 2017

Inchiostro Parker Quink Blue-Black [Recensione]


Dopo aver provato vari inchiostri con tonalità Blue-Black (tra i quali il Pelikan 4001 ed il Lamy, sino ad ora il mio preferito), ho voluto provare anche questo della Parker perché, da quello che ho sentito in giro, è un colore blu-nero molto anomalo. È così è anche la mia impressione dopo averlo comprato e provato per qualche giorno.
Su Amazon ho comprato (pagando 11,70 euro) un calamaio della Parker Quink Blue-Black. E, visto che anche l'occhio vuole la sua parte, già il solo calamaio merita il massimo dei voti. È una bellissima boccetta in vetro, con 57 ml di inchiostro al suo interno, che non sfigura affatto sulle nostre scrivanie; inoltre, ha una apertura davvero ampia (ci entra qualunque penna stilografica, anche quelle più grosse e cicciottelle), chiusa da un tappo a vite in plastica dall'ottima tenuta.


Ma occupiamoci subito dell'inchiostro. Va subito detto, anche se ne ho già accennato prima, che questo blu-nero della famosissima azienda statunitense ha una tonalità molto insolita: il colore blu-nero dovrebbe essere (almeno per come lo intendo io) un blu scuro... qui, invece, c'è moltissimo blu, e quello che c'è ha splendide sfumature che virano verso il turchese scuro (e, a seconda di come lo colpisce la luce, si nota anche un po' di verde), e nessunissima traccia di nero. Tuttavia, l'effetto ottenuto ha un sapore molto vintage: tutto quello che scriverete con il Parker Quink Blue Black sembrerà esser stato scritto trenta o quarant'anni prima. E questo lascia intendere che è un inchiostro ottimo anche, e soprattutto, per essere usato in situazioni serie o formali (uffici e banche e per firme su documenti, assegni e fatture).


Il flusso e la scorrevolezza sono davvero spettacolari: in tutte le mie prove ed in tutti i miei scritti degli ultimi giorni, il flusso è sempre stato regolare e mai una volta che la stilografica  abbia avuto vuoti di scrittura. Bene anche i tempi di asciugatura: dopo 5 o 6 secondi puoi già passarci il dito sopra senza alcun rischio di sporcarti o di imbrattare il foglio stesso. Completamente assenti i fenomeni del feathering (lo spiumaggio, ossia l'inchiostro che si allarga sulla carta) e del bleed through (l'inchiostro che attraversa la carta e rende inutilizzabile il lato opposto del foglio stesso). Si è comportato benissimo anche in una mia prova con l'acqua: ho scarabocchiato un po' su un comunissimo foglio di carta da fotocopie e, dopo averci passato un bastoncino di cotton fioc completamente imbevuto di acqua, non ho visto o notato grandi disastri (neanche dopo che lo stesso foglio si è asciugato); quello che c'era scritto o disegnato prima del passaggio dell'acqua, anche se in parte cancellato, continuava comunque ad essere perfettamente leggibile. Piccola curiosità: tutte le macchie d'inchiostro prodotte dall'acqua avevano una colorazione tra il verde ed il turchese.
Per finire, qui sotto vi lascio una mia prova di scrittura con il Parker Quink Blue.Black:

  

- A sinistra: su un foglio A5 della Pigna ho scritto, utilizzando la penna Kaweco Al Sport (con pennino F), l'incipt del libro Il Codice da Vinci di Dan Brown;
- Al centro: il retro dello stesso foglio... e, come potete vedere, è perfettamente utilizzabile;
- A destra: l'inchiostro confrontato con due penne uguali ma dal pennino differente. Per questa prova ho usato una Kaweco Classic Sport con pennino M ed una Kaweco Al Sport con pennino F.

----------
Le altre mie recensioni di penne stilografiche ed inchiostri:
- 21/02/2017: Penna stilografica Kaweco Al Sport
- 01/02/2017: Inchiostro Diamine Sapphire Blue
- 20/11/2016: Penna stilografica Lamy Logo
- 28/09/2016: Penna stilografica Jinhao 250
- 16/09/2016: Inchiostro Diamine Presidential Blue
- 09/09/2016: Inchiostro Pelikan 4001 blu-nero
- 07/09/2016: Inchiostri Lamy blu-nero, blu e rosso
- 29/08/2016: Inchiostri Pelikan 4001 nero, blu e rosso
- 26/08/2016: Penna stilografica Kaweco Sport Classic
- 10/08/2016: Penna stilografica Jinhao 886
- 20/07/2016: Penna stilografica Jinhao X750
- 08/07/2016: Penna stilografica Schneider Voyage
- 05/07/2016: Penna stilografica Pilot V Pen
- 13/06/2016: Penna stilografica Hero 616
- 10/06/2016: Penna stilografica Pelikan Twist
- 27/05/2016: Penna stilografica Lamy Safari

martedì 14 marzo 2017

[Recensione] Questa non è l'America

Questa non è l'America
di: Alan Friedman

Formato: Kindle
Dimensioni file: 1332 KB
Pagine: 334
Editore: Newton Compton Editori (20 febbraio 2017)
ASIN: B01MSBE11S
Data di acquisto: 2 marzo 2017
Letto dall'8 al 14 marzo 2017

----- Sinossi -----
Le rivelazioni shock, le storie inedite e i retroscena che svelano i segreti del paese di Trump. Che cosa è successo all'America? Che fine ha fatto il sogno americano? E qual è il vero significato dell'arrivo di Donald Trump? Dietro l'immagine del Paese più influente del mondo si intravede una nazione lacerata, impaurita e rabbiosa. È vero, gli Stati Uniti sono ancora una superpotenza mondiale, ma le tensioni interne sono sintomo di sofferenza e profonda divisione. E cosa cambierà con l'elezione di Donald Trump? Alan Friedman ci racconta in presa diretta quali siano le condizioni attuali e quali i sentimenti reali del popolo americano. In Questa non è l'America vediamo un Friedman inedito, in un'indagine sul campo: vicino ai suoi connazionali e capace di raccontare le loro storie in modo vivido. Arricchito da interviste a persone comuni e a figure di primo piano della politica e dell'economia statunitensi, questo libro di grande impatto traccia il percorso e fa il punto sulle cause della terribile disuguaglianza dei redditi che affligge gli Stati Uniti e ci accompagna nel cuore di una cultura vasta e contraddittoria, ricca ma spesso incomprensibile. Dalla povertà estrema di alcune zone rurali come il Mississippi, agli eccessi di Wall Street, fino all'incontro con Donald Trump a bordo del suo Trump Force One, Friedman ci racconta la vera America, come non l'abbiamo mai vista prima. Ci spiega chi è Trump e ci fa capire cosa sta per cambiare negli Stati Uniti e nel mondo intero...

----- La mia recensione -----
"Dopo le elezioni più volgari e rozze della storia americana recente, Trump era finalmente vincitore, destinato a presiedere una nazione ferita, una società lacerata da paura e rabbia, e da livelli di razzismo crescenti. Una società divisa, una politica arroccata su posizioni estreme e un livello di odio come non si vedevano da decenni".
Alan Friedman non ha certo bisogno di presentazioni. È un giornalista altamente preparato, attento osservatore di quello che accade intorno a noi, nonché un Signore (con la S maiuscola) dai modi garbati... Ce ne fossero di altre persone così, la nostra TV sarebbe un posto migliore!
E questo libro rispecchia proprio lo "stile Friedman": il giornalista newyorkése ha analizzato e cercato di farci comprendere il "Paese" America che ha appena eletto Donald Trump come suo nuovo presidente, usando toni pacati e semplici e senza ricorrere ad una voce "battagliera" o estremista.
E descrivere l'America, anzi gli Stati Uniti, non è certamente un compito facile visto che stiamo parlando sì di una nazione multietnica e multiculturale, ma lacerata da tante (forse troppe) contraddizioni. E piena di contraddizioni è anche questa nuova amministrazione Trump. Una presidenza che, di solito, dovrebbe essere al di sopra delle parti ma con un occhio di riguardo per le classi più deboli, in questo caso è sorta con l'ombra di un conflitto d'interessi grande quanto una casa; già, perché il "personaggio" Donald (mettiamo da parte il "politico" Trump) ha interessi e ramificazioni di potere un po' in tutti i settori che contano dell'economia (e non solo) statunitense... E lo dimostrano anche le sue prime e più importanti (ma anche le più discutibili e controverse) nomine: praticamente, ha chiamato uomini di fiducia e personalità influenti tra i Repubblicani ed i conservatori più estremisti e li ha "piazzati" nei posti chiave della sua amministrazione.
Ho l'impressione che nei prossimi quattro anni (sperando che non diventino otto) sentiremo molto parlare della presidenza Trump, dei suoi errori e delle sue gaffe, sia negli USA che nel resto del mondo...
Voto: (5 su 5)

Clicca qui e scarica le mie note e le parti che ho sottolineato

----------
Leggi anche:
- Veronica Vinattieri: I top 100 di Donald Trump. I migliori tweet selezionati e tradotti per voi (mia recensione del 10 novembre 2016)

domenica 12 marzo 2017

La classifica dei libri più venduti (nella settimana dal 26 febbraio al 4 marzo 2017)

Questi i libri più venduti nella settimana dal 26 febbraio al 4 marzo:

1. Francesca Cavallo e Elena Favilli: Storie della buona notte per bambine ribelli
2. Alan Friedman: Questa non è l'America
3. Alessandro D'Avenia: L'arte di essere fragili
4. Chiara Gamberale: Qualcosa
5. Andrea Vitali: A cantare fu il cane
6. Alessandro Robecchi: Torto marcio
7. Kent Haruf: Le nostre anime di notte
8. Mario Giordano: Vampiri
9. Valter Longo: La dieta della longevità
10. Andrea Camilleri: La mossa del cavallo

[settimana precedente]

mercoledì 8 marzo 2017

TIM Special diventa TIM MAXXI


Da qualche giorno TIM ha iniziato ad informare i clienti che, come il sottoscritto, sono in possesso del profilo tariffario TIM Special di una variazione contrattuale davvero notevole. Infatti, a partire dal prossimo 3 aprile TIM Special diventerà TIM MAXXI ed il canone avrà un amento di 2 euro a fronte, però, di un regalo di 2 GB di internet in più.
Sino ad ora TIM Special, al costro di 10 euro ogni 4 settimane (o 28 giorni, fate voi) ha offerto 400 minuti di chiamate verso tutti, 400 SMS e 2 GB di traffico dati. Dal 3 aprile, invece, il canone passerà a 12 euro, sempre ogni 4 settimane ma, come ho detto prima, si potrà usufruire di 2 GB di internet extra. Comunque, chi deciderà di non accettare la rimodulazione/aumento può recedere (sempre entro il 3 aprile) dal contratto, anche passando ad un altro operatore senza incorrere in alcuna penale.
Ecco il testo dell'SMS (visibile anche qui a lato) che ho ricevuto qualche giorno fa sul mio Smartphone: "Modifica delle condizioni contrattuali. Dal primo rinnovo successivo al 03/04/17 la tua TIM Special diventa MAXXI: si arricchisce di 2 GB Extra e avrà un costo di 2 euro in più ogni 4 settimane. Finiti i Giga, potrai continuare a navigare fino al rinnovo successivo solo attivando l'offerta dati aggiuntiva più adatta alle tue esigenze. Hai diritto entro il 03/04 di recedere senza penali con i consueti canali di contatto o passare ad altro operatore. I 2 GB Extra sono disponibili già da oggi senza costi aggiuntivi. Modifiche determinate dall'esigenza di rendere omogenea l'offerta TIM. Per info chiama il 409160".
Inoltre, Inoltre i clienti interessati hanno la possibilità di attivare gratuitamente (sempre entro il 3 aprile), direttamente dalla sezione MyTIM Mobile del sito di Tim (o semplicemente rispondendo SI ad un SMS di attivazione che riceveranno sul proprio numero), una delle seguenti offerte promozionali:
- 1GB gratis per 7 giorni: che regala 1 GB extra per navigare da Smartphone, PC o Tablet
- 1 MESE DI MINUTI ILLIMITATI verso TUTTI: che regala minuti illimitati per chiamare gratis tutti i propri amici per 30 giorni.
Io ho attivato proprio quest'ultima opzione su un altro mio numero Tim. Ecco le foto con il testo dell'SMS ricevuto questa mattina da TIM e della conferma dell'attivazione: