giovedì 24 maggio 2018

Cinquanta sfumature di Rosso

Cinquanta sfumature di Rosso - Cinquanta sfumature, vol. 3
di: E.L. James

Titolo originale: Fifty Shades Freed
Formato: Kindle
Dimensioni file: 857 KB
Pagine: 624
Editore: Mondadori (13 luglio 2012)
ASIN: B008FHSIUE
Data di acquisto: 10 dicembre 2012
Letto dal 18 al 24 maggio 2018

----- Sinossi -----
Quella che per Anastasia Steele e Christian Grey era iniziata solo come una passione erotica travolgente è destinata in breve tempo a cambiare le loro vite.
Ana ha sempre saputo che amarlo non sarebbe stato facile e stare insieme li sottopone a sfide che nessuno dei due aveva previsto. Lei deve imparare a condividere lo stile di vita di Grey senza sacrificare la sua integrità e indipendenza, lui deve superare la sua ossessione per il controllo lasciandosi alle spalle i tormenti che continuano a perseguitarlo. Le cose tra di loro evolvono rapidamente: Ana diventa sempre più sicura di sé e Christian inizia lentamente ad affidarsi a lei, fino a non poterne più fare a meno. In un crescendo di erotismo, passione e sentimento, tutto sembra davvero andare per il meglio. Ma i conti con il passato non sono ancora chiusi...
Questo è il terzo e conclusivo volume della trilogia Cinquanta sfumature, il cui successo senza precedenti è iniziato grazie al passaparola delle donne che ne hanno fatto un vero e proprio cult ponendolo al primo posto in tutte le classifiche del mondo.

----- La mia recensione -----
"La vita non sarà mai noiosa con Christian, e mi sento pronta per il lungo viaggio che ci attende. Amo quest'uomo: è mio marito, il mio amante, il padre di mio figlio, a volta anche il mio Dominatore... è il mio Mr Cinquanta Sfumature".
Finalmente ho portato a termine quella che, a tutti gli effetti, posso considerare come la più brutta trilogia di tutti i tempi: contesti e situazioni (anche e soprattutto quelle hot) sempre uguali e ripetitive sino alla noia vera e propria.
Questo terzo volume è, in un certo senso, il migliore (si fa per dire...) della saga, forse perché c'è un pur minimo e timido accenno di azione e suspense. Comunque, la trilogia è conclusa... ed è meglio così!!!
- Voto: (2 su 5)

----------
Le altre mie recensioni della saga "Cinquanta Sfumature":
- 31 marzo 2018: Cinquanta sfumature di Nero
- 1 febbraio 2018: Cinquanta sfumature di Grigio

martedì 22 maggio 2018

Penna stilografica Platinum Preppy [Recensione]


Ho preso questa penna stilografica più per sfizio che per necessità... ed invece, nonostante le mie tante perplessità legate sia al materiale con cui è costruita che al prezzo basso, la Platinum Preppy, entry-level della giapponese Platinum, mi ha stupito in positivo. Ma andiamo con ordine...


Partiamo dal costo che è davvero alla portata di tutti: su eBay costa appena appena 4 euro. E da qui capirete che è una penna destinata essenzialmente a chi si avvicina per la prima volta al mondo delle stilografiche ed a chi non vuole spendere molto. La Platinum Preppy, ovviamente per contenere i costi, è realizzata interamente in policarbonato trasparente (perciò potremo vedere quanto inchiostro è rimasto nella sua cartuccia); le uniche parti in metallo sono il pennino e la molla all'interno del cappuccio (e di cui ci occuperemo tra poco).


Le misure di questa penna sono: 13,5 cm chiusa (ossia con il cappuccio calzato), 12 cm la sola penna, 6 cm il cappuccio e 13,5 cm con il cappuccio calzato nella parte posteriore. Il tutto per un peso di appena 13 grammi.


Dicevamo del cappuccio. Questo è a scatto ed è dotato, cosa incredibile per una penna tanto economica, di una sorta di molla e di un piccolo contenitore in resina che, ospitando il pennino, lo rende quasi ermetico e, di fatto, ne impedisce l'essiccazione dell'inchiostro. Platinum garantisce che con questa soluzione l'inchiostro è protetto anche se la penna rimane inutilizzata per un anno. La clip, infine, è molto dura e bisogna stare particolarmente attenti a non tirarla o sforzarla troppo.


Il pennino, che non ha il foto di sfiato, è in acciaio ed è disponibile in due gradazioni: F (che Platinum chiama 0.3) ed M (0.5). In realtà, cercando bene sul web, si possono trovare Preppy anche con il pennino EF (0.2)... ma non è molto usato perché l'extrafine giapponese (EF appunto) ha un tratto molto ma molto sottile. Il modello che ho comprato io è un F ed ha un ottimo feedback: non gratta sulla carta, ma anzi scivola che è una meraviglia.


Le uniche note stonate, se così le possiamo definire, sono date dal fatto che:
- primo: per inserire la cartuccia, è necessario premere un bel po' sull'estremità della "pallina" che chiude la cartuccia fino a quando non si sente una specie di "clic"
- secondo: come potete vedere da queste mie foto, sul corpo della penna sono stampati il nome, la marca e addirittura il codice a barre del prodotto. Scelta stilistica e "visiva" che non trova il mio apprezzamento.


Particolarità interessante di questa penna è la sua vendita abbinata ad una cartuccia di inchiostro dello stesso colore del suo cappuccio: io ho preso quella con il cappuccio blu (anche se in realtà sembra più un azzurro scuro) e, perciò, la cartuccia abbinata ha l'inchiostro blu; se prendete quella con il cappuccio rosso avrete una cartuccia con l'inchiostro rosso e così via. Ad ogni modo, i colori disponibili sono: blu, nero, verde, rosso e viola.


La Platinum Preppy monta le cartucce Platinum proprietarie e non le classiche Pelikan 4001 ad attacco standard internazionale. Tuttavia, se volete usare gli inchiostri in boccetta/calamaio, in vendita c'è anche un converter (ovviamente ad attacco proprietario Platinum) che costa 9,90 euro; se poi volete proprio inchiostrare questa penna con le cartucce Pelikan 4001, potrete inserire l'apposito adattatore (1,90 euro, sempre su eBay).
Ecco qui sotto la mia prova di scrittura; termino questa recensione con il mio voto/giudizio: 7; la Platinum Preppy è un'ottima penna stilografica "da battaglia" (dato il suo prezzo irrisorio, la potete strapazzare senza aver paura di smarrirla o romperla).


----- Le altre mie recensioni su penne stilografiche, inchiostri e strumenti per scrittura -----
- 18/02/2018: Penna stilografica Twsbi Eco con pennino Stub 1.1
- 04/02/2018: Inchiostro Parker Quink Blue
- 18/10/2017: Calamaio Lamy T52 con inchiostro blu
- 27/09/2017: Inchiostro Pelikan 4001 Turchese
- 26/07/2017: Inchiostro Pelikan Edelstein Sapphire
- 20/07/2017: Penna stilografica Kaweco Ice Sport
- 22/06/2017: Penna stilografica Lamy Al Star "Ocean Blue"
- 04/05/2017: Penna roller Lamy Al Star "Pacific Blue"
- 27/04/2017: Penna a gel Pilot G-2 0.7
- 19/04/2017: Penna stilografica Kaweco Skyline Sport Classic e inchiostro Kaweco Royal Blue
- 06/04/2017: Penna roller Lamy Tipo Al K
- 01/04/2017: Penna a gel Pilot G-1 0,7
- 20/03/2017: Taccuini/Quaderni "Field Notes"
- 16/03/2017: Inchiostro Parker Quink Blue-Black
- 21/02/2017: Penna stilografica Kaweco Al Sport
- 01/02/2017: Inchiostro Diamine Sapphire Blue
- 20/11/2016: Penna stilografica Lamy Logo
- 28/09/2016: Penna stilografica Jinhao 250
- 16/09/2016: Inchiostro Diamine Presidential Blue
- 09/09/2016: Inchiostro Pelikan 4001 blu-nero
- 07/09/2016: Inchiostri Lamy blu-nero, blu e rosso
- 29/08/2016: Inchiostri Pelikan 4001 nero, blu e rosso
- 26/08/2016: Penna stilografica Kaweco Sport Classic
- 10/08/2016: Penna stilografica Jinhao 886
- 20/07/2016: Penna stilografica Jinhao X750
- 08/07/2016: Penna stilografica Schneider Voyage
- 05/07/2016: Penna stilografica Pilot V Pen
- 13/06/2016: Penna stilografica Hero 616
- 10/06/2016: Penna stilografica Pelikan Twist
- 27/05/2016: Penna stilografica Lamy Safari

lunedì 21 maggio 2018

La classifica dei libri più venduti (di domenica 20 maggio 2018)

Questi i libri più venduti (fonte: "La Lettura", supplemento del Corriere della Sera di domenica 20 maggio 2018):

1. (n) Zerocalcare: Macerie prime. Sei mesi dopo (Bao Publishing)
2. (n) Joël Dicker: La scomparsa di Stephanie Mailer (La nave di Teseo)
3. (1) Antonio Manzini: L'anello mancante (Sellerio)
4. (n) Serena Dandini: Il catalogo delle donne valorose (Mondadori)
5. (2) Maurizio de Giovanni: Sara al tramonto (Rizzoli)
6. (n) Paolo Giordano: Divorare il cielo (Einaudi)
7. (4) Elena Favilli e Francesca Cavallo: Storie della buonanotte per bambine ribelli. Vol. 2 (Mondadori)
8. (5) Jo Nesbø: Macbeth (Rizzoli)
9. (=) Alison Belsham: Il tatuatore (Newton Compton)
10.(3) Papa Francesco: Gaudete et Exsultate: Esortazione Apostolica sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo (Paoline)

[settimana precedente]

Nuova uscita... già prenotata: Il presidente è scomparso

Il presidente è scomparso
di: Bill Clinton e James Patterson

Formato: copertina rigida
Pagine: 496
Editore: Longanesi (4 giugno 2018)
ISBN-13: 9788830450523
Prezzo di copertina: 17,60 euro in formato cartaceo e 12,99 euro in formato ebook

In contemporanea mondiale, il primo romanzo dell'ex presidente degli USA con l'autore di thriller più venduto al mondo. I dettagli che solo un presidente conosce e la suspense che solo James Patterson sa creare per il thriller più avvincente e inaspettato degli ultimi anni.
La Casa Bianca è la residenza del Presidente degli Stati Uniti, la persona più osservata, controllata e protetta del mondo. E allora come fa un Presidente a scomparire senza lasciare traccia? Ma, soprattutto, perché dovrebbe farlo? Nato dalla collaborazione senza precedenti tra il presidente Bill Clinton e lo scrittore più venduto al mondo, James Patterson, Il presidente è scomparso è una storia mozzafiato proveniente dalle altezze vertiginose del potere. Un romanzo che rende davvero l'idea di cosa voglia dire sedersi nello Studio Ovale - la pressione eccezionale, le decisioni lampo, le opportunità stimolanti, il potere che corrode - che può essere definito come il thriller del decennio, che confronta le minacce più oscure che il mondo deve affrontare con gli interessi più alti possibili.


Zagor, Collana Darkwood n. 1: Il battello dei misteri

Zagor, Collana Darkwood n. 1: Il battello dei misteri

Data di uscita: 10 maggio 2018
Soggetto e sceneggiatura: Moreno Burattini
Disegni e copertina: Gianni Sedioli e Marco Verni
Tipologia: Brossurato
Formato: 16x8 cm, b/n
Pagine: 64
ISBN: 9788869612947
Prezzo di copertina: 2,50 euro


Presso il pontile di Fulton Rock è stato ormeggiato per la notte un battello fluviale militare, il "River Glory", nella cui stiva è alloggiato un carico prezioso ma al contempo misterioso. Le abbondanti piogge hanno però fatto ingrossare il fiume, che trascina via l'imbarcazione. Non tutti riescono a mettersi in salvo: due soldati muoiono nel tentativo di scendere a terra, e un unico superstite resta imprigionato su un ponte del naviglio. Per sua fortuna, Zagor accorre e riesce a saltare sul "River Glory"...

domenica 20 maggio 2018

National Geographic Italia: i numeri di novembre e dicembre 2005

----- Dicembre 2005 -----
- I segreti della longevità. Nelle isole giapponesi di Okinawa, sui monti della Sardegna, e nella comunità degli avventisti del Settimo Giorno di Loma Linda, negli USA, vivono alcune fra le persone più longeve del pianeta. Questi centenari straordinariamente attivi e in salute hanno un segreto che sfugge a gran parte di noi comuni mortali.
- Magie d'autunno. Viaggio alla scoperta delle caleidoscopiche meraviglie di stagione del Parco nazionale di Acadia, nel Maine. Quest'oasi protetta di straordinaria bellezza, costellata di montagne costiere, laghi e insenature rocciose è una delle più antiche d'America e la più amata dalle grandi famiglie aristocratiche.
- Rivoluzione in Nepal. Il piccolo regno himalayano è conteso fra due fazioni: da una parte i ribelli maoisti che hanno proclamato una "guerra di popolo" contro il dispotico monarca, dall'altra le truppe governative. Ma è soprattutto la popolazione a pagare lo scotto di una situazione che non sembra avere vie d'uscita. Le vittime del conflitto sono circa 13mila, perlopiù civili. Il clima di terrore scoraggia gli ultimi turisti e l'economia del Paese è ormai ridotta allo stremo.
- Cacciatore fantasma. Gli ocelot sono diffusi dall'Amazzonia al Texas, ma vedere uno di questi felini in libertà è impresa ardua: in sei mesi, il nostro fotografo li ha avvistati appena sei volte. Per fortuna, le trappole fotografiche che ha piazzato nella foresta hanno avuto maggior successo...
- Mare Monstrum. Tutt'altro che invitanti e cristalline, le acque di Kungkungan Bay, nello stretto indonesiano di Lembeh, sono però un vero paradiso per i fotografi subacquei e per biologi marini che studiano le bizzarre creature nascoste in cerca di prede nelle sabbie vulcaniche di questi fondali.
- Codice postale: Varese Ligure. La metamorfosi di una cittadina dell'Appennino ligure: fino a pochi anni fa sembrava destinata allo spopolamento, poi ha puntato tutto sulla qualità ambientale, con tanto di certificazione internazionale. Risultato: nessuna industria, inquinamento quasi nullo, agricoltura biologica, e un tasso di ultranovantenni fra i più alti in Italia.
Geografia dello spirito: Vrindavan, India. Da questo numero ha inizio "Geografia dello spirito", una serie di servizi ai luoghi santi delle religioni della Terra. Sulle orme di pellegrini e fedeli, racconteremo le tappe dell'eterna ricerca del sacro da parte dell'uomo. Vrindavan il cielo in Terra per i devoti di Krishna.

----- Dicembre 2005 -----
Mappa in allegato: Mostri marini della preistoria
- Gocce nel mare. Guerre, terremoti, uragani, tsunami: quando le catastrofi umanitarie catturano l'attenzione dei media, si mette in moto anche la colossale macchina dei soccorsi internazionali. Ma quando si spengono le telecamere, che fine fanno gli aiuti umanitari?
- Italiani senza frontiere. Angelo Rusconi, un volontario italiano, racconta la crisi dimenticata del Niger. Inoltre, come funziona la macchina degli aiuti che fa capo al nostro governo.
- Quando i mostri dominavano gli abissi. Non tutti i mostri marini sono miti o leggende metropolitane. Tornati in vita grazie alla computer grafica, ecco gli spaventosi rettili marini che popolavano gli oceani preistorici, e il racconto di alcune delle credenze cui hanno dato origine.
- Sirene & Co. Draghi, serpenti, mostri a più teste... Il Mar Mediterraneo è affollato di creature mitiche che spesso hanno tratto origine da resti di animali o da fenomeni naturali. Ma l'Italia annovera anche molte testimonianze fossili di rettili marini preistorici.
- Vedo rosso. Il telescopio spaziale Spitzer scruta lo spazio nello spettro dell'infrarosso, fornendoci una visione senza precedenti delle "nursery" cosmiche, dove nascono nuove stelle e nuovi pianeti.
- Una casa per l'orso bianco. A non tutti piace caldo: gli orsi polari del Parco nazionale di Wapusk soffrono gli effetti sul loro habitat del surriscaldamento globale.
- Orso marsicano addio? L'orso italiano vive nell'Appenino, ma di lui sappiamo poco altro. Sopravviverà alla nostra indifferenza?
- I nuovi buddhisti. Nata in India 2.500 anni fa, la dottrina del Buddha sta facendo proseliti tra un numero sempre maggiore di occidentali, che hanno adattato antichi precetti alla vita moderna.
- Codice postale: Pomaia. Un angolo di Tibet in provincia di Pisa: l'Istituto Lama Tzong Khapa ospita studiosi del Buddha provenienti da tutto il mondo.
- Grandangolo: Elogio di Babbo Natale. Il padre mitico delle feste celebrato dal grande filosofo Umberto Galimberti e dai fotografi di National Geographic.
- La ricerca: In alto i cuori. Gli effetti dell'altitudine sul corpo umano. Missione alpinistica e scientifica di nove italiani sul Karakorum.

venerdì 18 maggio 2018

[Recensione] La luce dell'impero

La luce dell'impero
di: Marco Buticchi

Formato: Kindle
Dimensioni file: 3657 KB
Pagine: 443
Editore: Longanesi (28 settembre 2017)
ASIN: B072Q2591P
Data di acquisto: 11 settembre 2017 (prenotazione)
Letto dal 14 al 18 maggio 2018

----- Sinossi -----
XIX secolo. Austria e Francia sono acerrime nemiche sui campi di battaglia. Perché allora Massimiliano d'Asburgo, per volere dell'avversario di sempre Napoleone III, viene nominato imperatore del Messico, un paese oggetto da tempo di violentissime rivolte? Massimiliano è un sovrano illuminato, amante delle meraviglie della natura e desideroso d'apprendere. Perché, nei suoi diari di viaggio, non parla dell'acquisto di due diamanti considerati ancor oggi i più grandi e preziosi mai estratti nel nostro emisfero?
Ai giorni nostri. Una banale avaria costringe Oswald Breil e Sara Terracini, in crociera a bordo del loro yacht Williamsburg, a riparare in un porto appena a sud di Tijuana, in Messico. A pochi metri di distanza dall'approdo, viene ucciso un giudice che aveva fatto parte del pool antinarcos messicano. Il giudice, scopriranno Oswald e Sara, stava cercando di comunicare proprio con loro prima di cadere vittima della criminalità organizzata. Ma i cartelli della droga, si sa, non perdonano e Oswald Breil è una pedina scomoda...
L'inestricabile matassa della storia spesso gioca incomprensibili scherzi, collegando fatti lontani nel tempo e nello spazio con un impercettibile filo. I diamanti di Massimiliano sono stati, secoli prima, le basi sulle quali costruire un impero all'apparenza legittimo, ma grondante di sangue innocente. L'unica luce che brilla sull'oscurità di uomini senza scrupoli è quella che un enorme diamante giallo di 33 carati (il Maximilian II) è capace di riflettere. Una pietra sulla quale grava un'antica maledizione e che emana bagliori sinistri, capaci di offuscare persino la luce dell'impero.

----- La mia recensione -----
"Inquirenti e assassini paiono condividere un sentimento: non sono capaci di dimenticare".
Ennesima incredibile avventura della coppia Oswald Breil-Sara Terracini... ed ennesimo coinvolgente capolavoro di Marco Buticchi! Libro, per dirla tutta, talmente avvincente che è davvero impossibile non riuscire a sprofondare nella sua lettura. Per me è uno dei migliori di tutta la saga.
Colpi di scena a ripetizione, inseguimenti, amore e tradimenti: questi gli ingredienti de La luce dell'impero che, come per quasi tutti i romanzi che lo hanno preceduto, è ambientato in due distinte epoche storiche che, strada facendo, si intrecciano in un vortice di alta tensione: questa volta "visiteremo" il Messico di Massimiliano d'Asburgo-Lorena del periodo 1864/67 ed il Messico attuale, con i suoi paesaggi mozzafiato ma martoriato dalla guerra tra i cartelli del narcotraffico.
- Voto: (5 su 5)

Clicca qui e scarica le mie note e le parti che ho sottolineato

----------
I libri di Marco Buticchi che ho letto e recensito:
- 7 marzo 2018: L'anello dei re
- 11 gennaio 2018: La stella di pietra
- 8 novembre 2016: Le pietre della luna
- 5 settembre 2015: Il segno dell'aquila
- 12 maggio 2015: Profezia
- 12 novembre 2014: La voce del destino
- 1 settembre 1998: Menorah (letto ma non recensito)

giovedì 17 maggio 2018

[Recensione] Il diavolo nella bottiglia

Il diavolo nella bottiglia
di: Robert Louis Stevenson
Illustrazioni di: Guido Scarabottolo

Formato: copertina rigida
Pagine: 45
Editore: Prìncipi & Princípi (ottobre 2011)
ISBN-13: 9788896827376
Data di acquisto: 11 maggio 2018
Letto il 17 maggio 2018

----- Sinossi -----
Keawe, giovane hawaiano, acquista per pochi dollari una magica bottiglia: in essa è rinchiuso un diavoletto che realizza ogni desiderio. L'importante è sbarazzarsi della bottiglia in tempo, prima di morire, perché il suo possesso condanna all'inferno. La condizione imposta per liberarsene è venderla ad un prezzo più basso di quello d'acquisto. Come ha sempre desiderato Keawe si fa costruire una bellissima casa. La vita è facile e felice e arriva anche l'amore con l'incontro della bella Kokua. I due si sposano ma purtroppo Keawe contrae la lebbra e per salvarsi deve ricomprare la bottiglia che era riuscito a vendere. Da questo momento iniziano una serie di peripezie per cercare di vendere la bottiglia arrivata a un prezzo bassissimo...

----- La mia recensione -----
"Il vetro era di un bianco latte e aveva nella grana i colori cangianti dell'arcobaleno. E, dentro, qualcosa si muoveva oscuramente, come un'ombra e un fuoco".
Mi sono imbattuto per puro caso in questa favola per bambini, e (perché no?) anche per adulti, semplice semplice e che si lascia leggere in una mezz'oretta appena. Abbiamo il giovane Keawe che compra per pochi soldi una bottiglia magica che, come per la lampada di Aladino, può esaudire tutti i desideri. Ecco, allora, che il nostro Keawe diventa ricco e rispettato da tutti. Ma, ovviamente, sulla bottiglia grava una maledizione: il suo proprietario deve rivenderla (e non regalarla o abbandonarla) ad un prezzo inferiore rispetto a quanto da lui pagato altrimenti la sua anima, in punto di morte, andrà dritta dritta al’inferno. Fin qui tutto bene sennonché, poco prima di sposarsi con la bella Kokua, Keawe scopre di essere malato di lebbra...
Datato 1891 Il diavolo nella bottiglia è un bel racconto, in questa edizione accompagnato anche da spettacolari illustrazioni, di Louis Stevenson (autore dei famosissimi L'isola del tesoro e Il dottor Jekyll e mr. Hyde), in cui, anche se si tratta di un'opera per giovanissimi lettori, si affrontano temi forti (inferno, maledizioni ed avidità in primis), a cui se ne contrappongono altri più delicati ed alla portata del pubblico a cui è rivolto il racconto: l'amore ed il sacrificio.
- Voto: (5 su 5)

lunedì 14 maggio 2018

[Recensione] Moreno Burattini - Facezie

Facezie. Tra il serio e il faceto, preferisco il faceto
di: Moreno Burattini

Formato: copertina flessibile
Pagine: 312
Editore: Cut-Up (15 ottobre 2017)
ISBN-13: 978-8895246741
Data di acquisto: 1 maggio 2018
Letto dall'11 al 14 maggio 2018

----- Sinossi -----
Che succederebbe se Dylan Dog incontrasse il comandante Mark? E che cosa, se Cico si imbattesse in Eva Kant? E se Dampyr si trovasse di fronte Zora la vampira? A queste e ad altre domande risponde Moreno Burattini, uno fra i più noti scemeggiatori di fumetti italiani. E se leggerete questo suo libro, capirete perché "scemeggiatore" non è un refuso. Vignette, filastrocche, giochi di parole, barzellette, testi comici scritti nel corso di trent'anni di buffonate sono qui radunati per la prima volta (e, si spera, per l'ultima). Troverete fra l'altro: le interviste a Zagor, a Dylan Dog e ai Fantastici Quattro, il dizionario degli insulti, il manuale degli scherzi più atroci, il vademecum per come far posto ai fumetti in casa, il saggio sulla fenomenologia della moglie dei fumettomani, consigli utili per portarsi a letto le ragazze, battute politicamente scorrette, la vera storia di Enea, le grandi domande della vita... e molto altro ancora, se riuscirete ad arrivare fino in fondo.

----- La mia recensione -----
Piacevole lettura che scorre via in tre-quattro serate. Facezie, per farla breve, non è altro che un grande calderone contenente tutto (o quasi) ciò che il genio creativo di Moreno Burattini ha saputo "sfornare" nel corso degli anni. Alcune sezioni fanno sbellicare dalle risate, altre fanno anche riflettere... ed è il caso, nel mio caso (scusate il giro di parole in puro "stile Burattini"), dei capitoletti "Inconscio collettivo" (perché ci sono passato anch'io), "Miracolo" (perché la penso allo stesso modo del dottor Burattini) e "Il segreto nella tomba"... perché, guarda caso (e daje, ancora con il caso!), in questo periodo sto leggendo proprio la saga della Torre Nera di Stephen King.
- Voto: (4 su 5)

----------
Già letto e recensito dello stesso autore:
- 6 luglio 2016: Dall'altra parte. 26 storie inquiete

Creepy Past n. 0

Creepy Past n. 0

Data di uscita: 1 novembre 2017
Sceneggiatura: Bruno Enna e Giovanni Di Gregorio
Disegni: Giovanni Rigano
Colori: Alessandra Dottori e Giovanni Rigano
Copertina: Giovanni Rigano
Prezzo di copertina: 2 euro

Certi racconti che circolano in rete non sono del tutto innocui, così come certe pulsioni non si possono nascondere per troppo tempo. Qiro e Ester lo sanno bene e sono pronti a condurvi nell'universo inquietante di Creepy Past: il nuovo fumetto targato Sergio Bonelli Editore. Un universo in cui ogni incubo ricorrente, ogni fantasia malata, ogni paura nascosta può diventare terribilmente reale.
Ideata da Giovanni Di Gregorio, Bruno Enna e Giovanni Rigano e realizzata da un incredibile staff di giovani artisti, questa nuova serie mensile scruta il lato oscuro del web e della mente umana, facendo emergere i mostri nascosti nell'ombra.