venerdì 14 marzo 2014

Il seggio vacante

Il seggio vacante
di: J.K. Rowling

Formato: Kindle
Dimensioni file: 795 KB
Pagine: 553
Editore: Salani Editore (6 dicembre 2012)
ASIN: B00A8N32GI
Acquistato il: 13 marzo 2013

Sinossi: A chi la visitasse per la prima volta, Pagford apparirebbe come un'idilliaca cittadina inglese. Un gioiello incastonato tra verdi colline, con un'antica abbazia, una piazza lastricata di ciottoli, case eleganti e prati ordinatamente falciati. Ma sotto lo smalto perfetto di questo villaggio di provincia si nascondono ipocrisia, rancori e tradimenti. Tutti a Pagford, dietro le tende ben tirate delle loro case, sembrano aver intrapreso una guerra personale e universale: figli contro genitori, mogli contro mariti, benestanti contro emarginati. La morte di Barry Fairbrother, il consigliere più amato e odiato della città, porta alla luce il vero cuore di Pagford e dei suoi abitanti: la lotta per il suo posto all'interno dell'amministrazione locale è un terremoto che sbriciola le fondamenta, che rimescola divisioni e alleanze. Eppure, dalla crisi totale, dalla distruzione di certezze e valori, ecco emergere una verità spiazzante, ironica, purificatrice: che la vita è imprevedibile e spietata, e affrontarla con coraggio è l'unico modo per non farsi travolgere, oltre che dalle sue tragedie, anche dal ridicolo. J.K. Rowling firma un romanzo forte e disarmante sulla società contemporanea, una commedia aspra e commovente sulla nozione di impegno e responsabilità. In questo libro di conflitti generazionali e riscatti le trame si intrecciano in modo magistrale e i personaggi rimangono impressi come un marchio a fuoco. Farà arrabbiare, farà piangere, farà ridere, ma non si potrà distoglierne lo sguardo, perché Pagford, con tutte le sue contraddizioni e le sue bassezze, è una realtà così vicina, così conosciuta, da non lasciare nessuno indifferente.

La mia recensione: E' la prima volta che leggo qualcosa della mamma di Harry Potter... e non sono rimasto certamente deluso. Tutto ciò che accade dentro i piccoli confini di Pagford è lo specchio di un mondo sempre più malato e corroso da invidia ed avidità. Bellissima la trama ed ottima descrizione dei personaggi (anche se mi son sembrati un po' troppi), dei loro legami/intrecci e dei luoghi. Lo consiglio a chi è alla ricerca di una lettura tranquilla ma che faccia riflettere.
Voto: 5 su 5

giovedì 6 marzo 2014

Gli angeli non vanno mai in fuorigioco – La favola del calcio raccontata a mio figlio

Gli angeli non vanno mai in fuorigioco - La favola del calcio raccontata a mio figlio
di: Fabio Caressa

Formato: Kindle
Dimensioni file: 524 KB
Pagine: 198
Editore: Mondadori (30 aprile 2012)
ASIN: B007YBSMLM
Acquistato il: 1 dicembre 2012

Sinossi: Cinque amici, un vecchio, un pallone. Sono questi gli elementi che contrappuntano l'estate di Diego, un ragazzo di tredici anni che vive per il calcio. Forse non diventerà mai un campione, ci mette tanto impegno, quello sì, ma tecnicamente è un po' scarso, eppure il pallone e la Roma sono la sua vita. Durante la vacanza trascorsa nel piccolo paese abruzzese di Villalago, riempie le sue giornate disputando interminabili partite a calcetto insieme a Stefano, il bello del gruppo, juventino, ai gemelli Tempesta e Uragano, uno dell'Inter e l'altro del Milan, e alla bellissima Nadia, sfegatata tifosa del Napoli. Nel tentativo di recuperare il pallone finito dentro un capannone per un tiro maldestro di Diego, i cinque amici faranno conoscenza del Vecchio, un personaggio misterioso, all'apparenza burbero e solitario che si rivelerà, invece, un affabulatore inesauribile di storie sul calcio degli anni Settanta e Ottanta. Raccontando le gesta di fuoriclasse assoluti e l'estro di goleador infallibili, condurrà i ragazzi alla scoperta avventurosa di un mondo che non hanno mai conosciuto. Ma chi è il Vecchio? Un bugiardo? Una vecchia gloria del passato? Nessuno lo sa. Gli stessi genitori dei ragazzi, incuriositi da quello strano personaggio, si domandano come possa essere stato testimone diretto di così tante vicende. L'unica certezza è che lui sa tutto, lui c'era comunque e sempre: negli spogliatoi prima di un match decisivo, insieme ai giocatori nei luoghi di ritiro più segreti, a bordo campo di un mondiale o a casa di qualche attaccante famoso. Con un felice stratagemma che mescola fiction e saggistica, Gli angeli non vanno mai in fuorigioco ricostruisce leggende e aneddoti che riguardano squadre celebri diventate il simbolo stesso del calcio: dalla Lazio del '74 di Chinaglia e Maestrelli alla Roma di Liedholm e Falcão, dal Milan di Sacchi e Van Basten alla Juve del Trap e di Platini, dall'Italia di Bearzot e del mondiale spagnolo dell'82 all'Inter dei record. Grazie ai racconti del Vecchio, i cinque ragazzi avranno modo di conoscere qualcosa in più di un'epoca che non hanno vissuto e di capire che, a volte, la distanza che li separa dagli adulti e dai grandi non è poi così netta come potrebbe sembrare. Al termine di quell'estate impareranno che cosa significa essere una squadra, si sentiranno sempre più uniti dalla loro amicizia, diventeranno persone migliori. Perché i sentimenti contano, perché le belle storie di calcio si devono tramandare. Di padre in figlio.

La mia recensione: Il calcio è l’espressione artistica e popolare di un paese. Il calcio è universale, ma può essere giocato in cento modi diversi... La storia del calcio italiano (e non) degli anni '70 ed '80 del XX secolo raccontata da un grande giornalista attraverso dei piccoli aneddoti. Scritto in modo davvero magistrale e la sua lettura non stanca affatto. Se amate il calcio (ma quello giocato in campo e con gli amici, non quello gridato nei bar) questo è un libro da leggere assolutamente.
Voto: 5 su 5

martedì 4 marzo 2014

Le cose che sai di me

Le cose che sai di me
di: Clara Sánchez

Formato: copertina rigida
Pagine: 319 pagine
Editore: Garzanti Libri (6 febbraio 2014)
ISBN-13: 978-8811687566
Acquistato il: 16 febbraio 2014

Sinossi: Il piccolo pezzo di cielo che si intravede dal finestrino è di un azzurro intenso. Patricia è sull'aereo che la sta riportando a casa, a Madrid. All'improvviso la sconosciuta che le è seduta accanto le dice una cosa che la sconvolge: "Qualcuno vuole la tua morte". Patricia è colpita da quella rivelazione, ma poi ripensa alla sua vita e si tranquillizza: a ventisei anni è realizzata, felicemente sposata e con un lavoro che la porta a girare il mondo. Niente può turbare la sua serenità. È sicura che quella donna, che dice di riconoscere le vibrazioni emanate dalle persone, si sbaglia. Eppure a Patricia, tornata alla routine di sempre, iniziano a succedere banali imprevisti che giorno dopo giorno si trasformano in piccoli incidenti. Incidenti che stravolgono le sue abitudini e il suo lavoro. Non può fare a meno di ripensare alla donna dell'aereo e alle sue parole. Parole che a poco a poco minano le sue certezze. Vuole sapere se è davvero in pericolo. Vuole scoprire chi desidera farle del male, e quando il sospetto cresce dentro di lei, inizia a guardarsi intorno con occhi diversi, dubitando delle persone che ha vicino. Sente che tutto il suo mondo sta crollando pezzo dopo pezzo, ma deve trovare il coraggio di resistere: la minaccia è più vicina di quanto immaginasse. Però deve essere pronta a mettere in discussione tutta la sua vita, a leggere dentro sé stessa. Perché anche la felicità ha le sue ombre.

La mia recensione: Forse non è il miglior romanzo di Clara Sánchez (almeno dal mio punto di vista... che continuo a preferire La voce invisibile del vento) ma è senza dubbio il più intimista: ci invoglia a guardare dentro di noi per poter comprendere davvero coloro che ci circondano ed interagiscono con noi stessi ogni giorno. Bella la trama, non particolarmente pesante (fatta di luci, ombre, inganni, coincidenze e superstizioni) e bello il cammino intrapreso a sua insaputa dalla protagonista per arrivare alla rivelazione finale! Consigliatissimo agli amanti del genere.
Voto: 5 su 5