martedì 5 luglio 2016

Pilot V Pen [recensione]


Questa penna stilografica è entrata a far parte del mio parco penne già da un mesetto... ma, per la mia solita recensione, ho aspetto per vedere quanto si riesce a scrivere prima che l'inchiostro si esaurisca.
Partiamo però da due aspetti negativi: il primo è che la Pilot V Pen è una penna stilografica usa e getta... e visto il costo eccessivo (3 euro), non ho proprio capito perché si è scelto di realizzare una penna che può essere usata solo una volta e poi, non avendo alcuna possibilità di essere ricaricata... dovrà essere buttata via; secondo aspetto negativo è il codice a barre stampato direttamente sul corpo in plastica della stessa.
Questi due elementi mi hanno dato l'impressione che si tratti di una stilografica adatta a chi non ha mai scritto con questo tipo di penne e vorrebbe acquistarne una solo per un primo approccio ed una prima prova. Tuttavia, per quanto mi riguarda, non acquisterò mai più questo modello di penna!


Passiamo ad altro. Le dimensioni della Pilot V Pen sono di 13x1,3x1,3 cm (con penna chiusa dal tappo) per un peso di appena 10 grammi. Il pennino ha un tratto M, davvero carino (e chi mi segue sa già che questo è il mio tratto preferito), ma molto rigido e non sempre lineare: ogni tanto, durante la fase di scrittura, l'inchiostro tende ad uscire in maniera abbastanza abbondante e generosa. Guardate la foto in basso (quella della prova di scrittura) per farvi un'idea di quello che sto dicendo.
La penna che ho comprato io è caricata con un inchiostro di colore nero (adatto, perciò, per la firma di documenti o fatture) ma in commercio esistono anche penne con colore blu e rosso. Inoltre, il negoziante dove ho acquistato questa penna mi ha detto che dovrebbe esserci anche quella con inchiostro verde... però lui (per sua stessa ammissione) non è mai riuscito ad averla a disposizione!
Il giudizio finale (fortemente influenzato dai due aspetti negativi di cui sopra) è 5,5. Inoltre, se proprio volete provare a fare una ricarica "forzata" dell'inchiostro, date un'occhiata a questi due video (non in italiano) disponibili su YouTube: link 1 - link 2.

Nessun commento:

Posta un commento