martedì 31 maggio 2016

Fresco fresco di regalo: Luca Liaci - Una goccia d'acqua nell'olio bollente

Come recita il titolo, questo libro è un regalo anticipato di mio fratello per il mio 44° compleanno (l'11 giugno vi aspetto su Facebook per un pezzo virtuale di torta):

Luca Liaci - Una goccia d'acqua nell'olio bollente
Prezzo (su Amazon): 12 euro
Formato: copertina flessibile
Editore: Gruppo Albatros Il Filo (28 aprile 2016)
ISBN-10: 8856777266
ISBN-13: 978-8856777260
Sinossi: Michele, prossimo alla maggiore età, è il classico adolescente dagli ormoni instabili; egli prova intense emozioni e sensazioni, come se fossero viste attraverso una lente di ingrandimento. Al termine di una storia d'amore durata circa due anni sprofonda in uno stato di malessere, reso più intenso da un'inaspettata diagnosi clinica, la presenza di un cancro ai polmoni. Costretto al ricovero, Michele è convinto di essere spacciato, ma le sue giornate fredde e grigie conosceranno la gioia e la vitalità di Elena, una giovane paziente della clinica che, nonostante la malattia, affronta con lucidità le prove della vita.

Euro 2016: tutto (o quasi) quello che c'è da sapere...


----- ALBO D'ORO DEGLI EUROPEI DI CALCIO -----
10 giugno 1968: Giacinto Facchetti solleva
il trofeo appena conquistato dall'Italia
- Francia 1960: URSS-Jugoslavia 2-1 dts
- Spagna 1964: Spagna-URSS 2-1
- Italia 1968: Italia-Jugoslavia 1-1 dts. Ripetizione: Italia-Jugoslavia 2-0
- Belgio 1972: Germania Ovest-URSS 3-0
- Jugoslavia 1976: Cecoslovacchia-Germania Ovest 7-5 ai rig.
- Italia 1980: Germania Ovest-Belgio 2-1
- Francia 1984: Francia-Spagna 2-0
- Germania Ovest 1988: Olanda-URSS 2-0
- Svezia 1992: Danimarca-Germania 2-0
- Inghilterra 1996: Germania-Repubblica Ceca 2-1 al golden gol
- Olanda e Belgio 2000: Francia-Italia 2-1 al golden gol
- Portogallo 2004: Grecia-Portogallo 1-0
- Austria e Svizzera 2008: Spagna -Germania 2-1
- Polonia e Ucraina 2012: Spagna-Italia 4-0
- Francia 2016: ---
- Euro 2020 (torneo itinerante per 60° anniversario dalla nascita degli Europei): ---

- Classifica dei trofei vinti: 3 Germania (2 come Germania Ovest) e Spagna; 2 Francia; 1 URSS, Italia, Cecoslovacchia, Olanda, Danimarca e Grecia

========== EUROPEI DI CALCIO DI FRANCIA 2016 ==========


----- GIOCATORI CONVOCATI DELL'ITALIA -----
- Portieri: 1 Buffon (Juve), 13 Marchetti (Lazio), 12 Sirigu (Psg)
- Difensori: 15 Barzagli (Juve), 19 Bonucci (Juve), 3 Chiellini (Juve), 4 Darmian (Manchester United), 2 De Sciglio (Milan), 5 Ogbonna (West Ham)
- Centrocampisti: 21 Bernardeschi (Fiorentina), 6 Candreva (Lazio), 16 De Rossi (Roma), 22 El Shaarawy (Roma), 8 Florenzi (Roma), 23 Giaccherini (Bologna), 14 Sturaro (Juventus), 10 Thiago Motta (Psg), 18 Parolo (Lazio)
- Attaccanti: 17 Eder (Inter), 11 Immobile (Torino), 20 Insigne (Napoli), 9 Pellè (Southampton), 7 Zaza (Juve)
- Riserve: Zappacosta (Torino), Rugani (Juventus), Benassi (Torino).
- Commissario tecnico: Antonio Conte

----- Nazionali partecipanti -----
- Gruppo A: Francia, Svizzera, Romania e Albania
- Gruppo B: Inghilterra, Russia, Slovacchia e Galles
- Gruppo C: Germania, Ucraina, Polonia e Irlanda del Nord
- Gruppo D: Spagna, Croazia, Repubblica Ceca e Turchia
- Gruppo E: Belgio, Italia, Svezia e Irlanda
- Gruppo F: Portogallo, Austria, Ungheria e Islanda

----- calendario della PRIMA FASE (gironi di qualificazione) -----
Accedono alla fase ad eliminazione diretta le prime due classificate di ogni girone più le quattro migliori terze
- Venerdì 10 giugno: ore 21 (St-Denis) Francia-Romania (Gr. A)
- Sabato 11 giugno: ore 15 (Lens) Albania-Svizzera (Gr. A); ore 18 (Bordeaux) Galles-Slovacchia (Gr. B); ore 21 (Marsiglia) Inghilterra-Russia (Gr. B)
- Domenica 12 giugno: ore 15 (Parigi) Turchia-Croazia (Gr. D); ore 18 (Nizza) Polonia-Irlanda del Nord (Gr. C); ore 21 (Lille) Germania-Ucraina (Gr. C)
- Lunedì 13 giugno: ore 15 (Tolosa) Spagna-Repubblica Ceca (Gr. D); ore 18 (St-Denis) Repubblica d'Irlanda-Svezia (Gr. E); ore 21 (Lione) Belgio-Italia (Gr. E)
- Martedì 14 giugno: ore 18 (Bordeaux) Austria-Ungheria (Gr. F); ore 21 (St-Etienne) Portogallo-Islanda (Gr. F)
- Mercoledì 15 giugno: ore 15 (Lille) Russia-Slovacchia (Gr. B); ore 18 (Parigi) Romania-Svizzera (Gr. A); ore 21 (Marsiglia) Francia-Albania (Gr. A)
- Giovedì 16 giugno: ore 15 (Lens) Inghilterra-Galles (Gr. B); ore 18 (Lione) Ucraina-Irlanda del Nord (Gr. C); ore 21 (St-Denis) Germania-Polonia (Gr. C)
- Venerdì 17 giugno: ore 15 (Tolosa) Italia-Svezia (Gr. E); ore 18.00 (St-Etienne) Repubblica Ceca-Croazia (Gr. D); ore 21 (Nizza) Spagna-Turchia (Gr. D)
- Sabato 18 giugno: ore 15 (Bordeaux) Belgio-Repubblica d'Irlanda (Gr. E); ore 18 (Marsiglia) Islanda-Ungheria (Gr. F); ore 21 (Parigi) Portogallo-Austria (Gr. F)
- Domenica 19 giugno: ore 21 (Lille) Svizzera-Francia e (Lione) Romania-Albania per il Gr. A
- Lunedì 20 giugno: ore 21 (St-Etienne) Slovacchia-Inghilterra e (Tolosa) Russia-Galles per il Gr. B
- Martedì 21 giugno: ore 18 (Parigi) Irlanda del Nord-Germania e (Marsiglia) Ucraina-Polonia per il Gr. C; ore 21 (Bordeaux) Croazia-Spagna e (Lens) Repubblica Ceca-Turchia per il Gr. D
- Mercoledì 22 giugno: ore 18 (Lione) Ungheria-Portogallo e (St-Denis) Islanda-Austria per il Gr. F; ore 21 (Nizza) Svezia-Belgio e (Lille) Italia-Repubblica d'Irlanda per il Gr. E

----- SECONDA FASE (ad eliminazione diretta) -----

- Ottavi di finale
Sabato 25 giugno: ore 15 (St-Etienne) A2-C2 (V1); ore 18 (Parigi) B1-A/C/D3 (V2); ore 21 (Lens) D13B/E/F3 (V3)
Domenica 26 giugno: ore 15 (Lione) A1-C/D/E3 (V4); ore 18 (Lille) C1-A/B/F3 (V5); ore 21 (Tolosa) F1-E2 (V6)
Lunedì 27 giugno: ore 18 (St-Denis) E1-D2 (V7); ore 21 (Nizza) B2-F2 (V8)

- Quarti di finale
Giovedì 30 giugno: ore 21 (Marsiglia) V1-V3 (Q1)
Venerdì 1 luglio: ore 21 (Lille) V2-V6 (Q2)
Sabato 2 luglio: ore 21 (Bordeaux) V5-V7 (Q3)
Domenica 3 luglio: ore 21 (St-Denis) V4-V8 (Q4)

- Semifinali
Mercoledì 6 luglio: ore 21 (Lione) Q1-Q2
Giovedì 7 luglio: ore 21 (Marsiglia) Q3-Q4

- Finale
Domenica 10 luglio: ore 21.00 a St-Denis

lunedì 30 maggio 2016

Fresco fresco di consegna: Alessia Gazzola - Non è la fine del mondo

E' appena uscito... ed è già mio!!!

Alessia Gazzola - Non è la fine del mondo
Prezzo (su Amazon):
12,75 euro
Formato: copertina flessibile
Pagine: 219
Editore: Feltrinelli (26 maggio 2016)
ISBN-10: 8807031884
ISBN-13: 978-8807031885
Sinossi: Emma De Tessent. Eterna stagista, trentenne, carina, di buona famiglia, brillante negli studi, salda nei valori (quasi sempre). Residenza: Roma. Per il momento - ma solo per il momento - insieme alla madre. Sogni proibiti: il villino con il glicine dove si rifugia quando si sente giù. Un uomo che probabilmente esiste solo nei romanzi regency di cui va matta. Un contratto a tempo indeterminato. A salvarla dallo stereotipo dell'odierna zitella, solo l'allergia ai gatti. Il giorno in cui la società di produzione cinematografica per cui lavora non le rinnova il contratto, Emma si sente davvero come una delle eroine romantiche dei suoi romanzi: sola, a lottare contro la sorte avversa e la fine del mondo. Avvilita e depressa, dopo una serie di colloqui di lavoro fallimentari trova rifugio in un negozio di vestiti per bambini, dove viene presa come assistente. E così tutto cambia. Ma proprio quando si convince che la tempesta si sia finalmente allontanata, il passato torna a bussare alla sua porta: il mondo del cinema rivuole lei, la tenace stagista. Deve tornare a inseguire il suo sogno oppure restare dov'è? E perché il famoso scrittore che Emma aveva a lungo cercato di convincere a cederle i diritti di trasposizione cinematografica del suo romanzo si è infine deciso a farlo? E cosa vuole da lei quell'affascinante produttore che continua a ronzare intorno al negozio dove lavora?

domenica 29 maggio 2016

I libri più venduti (nella settimana dal 15 al 21 maggio)

Questi i libri più venduti nella settimana dal 15 al 21 maggio 2016:

1. (2.) Simonetta Agnello Hornby: Caffè amaro (Fetrinelli)
2. (1.) Luciano Ligabue: Scusate il disordine (Einaudi)
3. (5.) Marco Malvaldi: La battaglia navale (Sellerio)
4. (n.e.) Giacomo Mazzariol: Mio fratello rincorre i dinosauri. Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più
5. (n.e.) Autori vari: Il calcio in giallo (Sellerio)
6. (n.e.) Massimo Bisotti: Un anno per un giorno (Mondadori)
7. (=) Michael Connelly: La stategia di Bosch (Piemme)
8. (6.) Jojo Moyes: Dopo di te (Mondadori)
9. (n.e.) Raffaele Morelli: Solo la mente può bruciare i grassi (Mondadori)
10. (n.e.) Andrea Vitali: Le mele di Kafka (Garzanti)

[precedente settimana]

Kindle: "Offerta lampo" del 29 maggio 2016

Ecco l'Offerta lampo di oggi, domenica 29 maggio 2016, dedicata ai possessori di un Amazon Kindle:

- Donato Carrisi: La donna dei fiori di carta
Prezzo (solo per oggi: 2,99 euro
Dimensioni file: 422 KB
Pagine: 170
Editore: Longanesi (3 maggio 2012)
ASIN: B007ZQFSAY
[la mia recensione]
Il monte Fumo è una cattedrale di ghiaccio, teatro di una battaglia decisiva. Ma l'eco dei combattimenti non varca l'entrata della caverna in cui avviene un confronto fra due uomini. Uno è un prigioniero che all'alba sarà fucilato, a meno che non riveli nome e grado. L'altro è un medico che ha solo una notte per convincerlo a parlare, ma che ancora non sa che ciò che sta per sentire è molto più di quanto ha chiesto e cambierà per sempre anche la sua esistenza. Perché le vite di questi due uomini che dovrebbero essere nemici, in realtà, sono legate. Sono appese a un filo sottile come il fumo che si leva dalle loro sigarette e dipendono dalle risposte a tre domande. Chi è il prigioniero? Chi è Guzman? Chi era l'uomo che fumava sul Titanic? Questa è la storia della verità nascosta nell'abisso di una leggenda. Questa è la storia di un eroe insolito e della sua ossessione. Questa storia ha attraversato il tempo e ingannato la morte, perché è destinata al cuore di una donna misteriosa.

- Giorgio Faletti: Io sono Dio
Prezzo (solo per oggi): 2,99 euro
Dimensioni file: 1178 KB
Pagine: 369
Editore: Baldini&Castoldi (27 aprile 2015)
ASIN: B010VOSJSE
Non c'è morbosità apparente dietro le azioni del serial killer che tiene in scacco la città di New York. Non sceglie le vittime seguendo complicati percorsi mentali. Non le guarda negli occhi a una a una mentre muoiono, anche perché non avrebbe abbastanza occhi per farlo. Una giovane detective che nasconde i propri drammi personali dietro a una solida immagine e un fotoreporter con un passato discutibile da farsi perdonare sono l'unica speranza di poter fermare uno psicopatico che nemmeno rivendica le proprie azioni. Un uomo che sta compiendo una vendetta terribile per un dolore che affonda le radici in una delle più grandi tragedie americane. Un uomo che dice di essere Dio.

- Krishnananda e Amana: Uscire dalla paura. Osservare il bambino emozionale dentro di noi e interrompere l'identificazione
Prezzo (solo per oggi): 1,99 euro
Dimensioni file: 936 KB
Pagine: 240
Editore: Feltrinelli Editore (30 ottobre 2014)
ASIN: B00P1OKYOC
Esplorare le ferite del bambino interiore e comprendere quanto queste condizionano la nostra vita e la nostra possibilità di essere felici costituisce solo un primo passo nella conoscenza di sé. Occorre anche rendersi conto che con quelle ferite abbiamo finito per identificarci: noi pensiamo di essere quel ?bambino emozionale” che costituisce un'esperienza di sé piena di paura, vergogna, sfiducia e fatta di comportamenti compulsivi, che è dentro di noi e sfugge però al nostro controllo e alla nostra coscienza. Il secondo passo consiste dunque nel capire che non siamo questo bambino ferito, poiché questa autoimmagine negativa non è che il risultato di un potente condizionamento proveniente dal passato. È proprio il cambiamento della percezione di sé che può cambiare anche la vita: per usare una metafora, se ci siamo sempre identificati con il brutto anatroccolo serve la consapevolezza di ciò e la presa di distanza dall'immagine che ci siamo fatti di noi per sentirci finalmente cigni. L'identificazione con il bambino emozionale è profonda, poiché è iniziata quando si stava formando il concetto di sé, e influisce in modo determinante sulle nostre esistenze tramite ripetizione degli stessi schemi di comportamento, assuefazione a un dato atteggiamento, riproporsi di certi incidenti o malattie, continuo sabotaggio della propria vita, rassegnazione o scoraggiamento. Ecco allora che, proseguendo nel cammino di ricerca interiore iniziato sotto il suo maestro spirituale Osho e basandosi sull'esperienza personale e quale conduttore di gruppi, Krishnananda mostra come sia possibile osservando in noi il bambino emozionale liberarci poco alla volta dal suo controllo, dalla sua influenza e dalla paura che ancora suscita in noi.

sabato 28 maggio 2016

Champions League: l'undicesimo trofeo del Real è di rigore...

L'euroderby fra Real Madrid e Atletico Madrid si risolve ai rigori. Le merengues dopo l'1-1 del 90', vincono 6-4 dal dischetto. Decisivo l'errore di Juanfran.
Gran riflesso di Oblak su Benzema, poi (15') Ramos arriva sulla sponda di Bale e porta avanti il Real. A inizio ripresa ingenuo fallo di Pepe su Torres, Griezmann va sul dischetto (48') ma colpisce la traversa. Al 78' un irriconoscibile Cristiano Ronaldo manca una facile occasione e sul capovolgimento di fronte (79') cross di Juanfran per Carrasco che pareggia. Ai supplementari succede poco... arrivano i rigori che regalano al Real Madrid l'undicesima coppa!

----- L'Albo d'Oro della Champions League:
- Coppa dei Campioni: dal 1956 al 1960 Real Madrid; 1961 e 1962 Benfica; 1963 Milan; 1964 e 1965 Inter; 1966 Real Madrid; 1967 Celtic; 1968 Manchester United; 1969 Milan; 1970 Feyenoord; 1971, 1972 e 1973 Ajax; 1974, 1975 e 1976 Bayern Monaco; 1977 e 1978 Liverpool; 1979 e 1980 Nottingham Forest; 1981 Liverpool; 1982 Aston Villa; 1983 Amburgo; 1984 Liverpool; 1985 Juventus; 1986 Steaua Bucarest; 1987 Porto; 1989 e 1990 Milan; 1991 Stella Rossa Belgrado; 1992 Barcellona
- Champions League: 1993 Olympique Marsiglia; 1994 Milan; 1995 Ajax; 1996 Juventus; 1997 Borussia Dortmund; 1998 Real Madrid; 1999 Manchester United; 2000 Real Madrid; 2001 Bayern Monaco; 2002 Real Madrid; 2003 Milan; 2004 Porto; 2005 Liverpool; 2006 Barcellona; 2007 Milan; 2008 Manchester United; 2009 Barcellona; 2010 Inter; 2011 Barcellona; 2012 Chelsea; 2013 Bayern Monaco; 2014 Real Madrid; 2015 Barcellona; 2016 Real Madrid

Premio Campiello 2016: ecco i finalisti

Ecco i cinque finalisti del Premio Campiello 2016 (riconoscimento che viene assegnato ogni anno ad un'opera di narrativa italiana edita nell'anno di riferimento):

- Elisabetta Rasy - Le regole del fuoco (Rizzoli): È la primavera di un anno terribile, il 1917, quando Maria Rosa Radice a poco più di vent'anni lascia gli agi della sua casa a Napoli. Scappa da sua madre, dal salotto aristocratico che fino ad allora è stato il suo unico, soffocante orizzonte. La destinazione è la sola possibile per una donna non sposata e in fuga: il fronte. L'impatto della guerra è brutale. In un piccolo ospedale sul Carso cura centinaia di feriti, li vede soffrire e morire. Ma c'è una luce nelle sue giornate, una scintilla di cui si accorge poco a poco. È la sua silenziosa compagna di stanza Eugenia Alferro, una provinciale del Nord che sogna di diventare medico. Giorno dopo giorno, le insegna a sopravvivere in corsia e a superare la paura. La guerra regala alle due ragazze una libertà altrimenti impossibile. Così, nel tempo, avvertono una passione inattesa crescere tra loro e a mezza voce, la notte, si dichiarano l'amore. Non sanno se il futuro permetterà loro di rimanere vicine, entrambe però sentono di essere cambiate. Ora sono pronte a lottare per restare se stesse. In un romanzo vibrante, che appassiona e scuote, Elisabetta Rasy racconta la guerra dalla prospettiva misconosciuta delle donne al fronte. Ritraendo un'intimità limpida ma circondata dalle tenebre, ci mostra come l'amore non abbia mai avuto confini, perché i sentimenti esplodono sempre senza chiederci il permesso.
- Simona Vinci - La prima verità (Einaudi): Nel 1992 Angela, giovane ricercatrice italiana, sbarca sull'isola di Leros. È pronta a prendersi cura, come i suoi colleghi di ogni parte d'Europa, e come i medici e gli infermieri dell'isola, del perdurante orrore, da pochi anni rivelato al mondo dalla stampa britannica, del colpevole segreto d'Europa: un'isola-manicomio dove a suo tempo un regime dittatoriale aveva deportato gli oppositori politici di tutta la Grecia, facendoli convivere con i malati di mente. Quelli di loro che non sono nel frattempo morti sono ancora tutti lí, trasformati in relitti umani. Inquietanti, incomprensibili sono i segni che accolgono la ragazza. Chi è Basil, il Monaco, e perché è convinto di avere sepolto molto in alto "ciò che rimane di dio?" E tra i compagni di lavoro, chi è davvero la misteriosa, tenace Lina, che sembra avere un rapporto innato con l'isola? Ogni mistero avrà risposta nel tesoro delle storie dei dimenticati e degli sconfitti, degli esclusi dalla Storia, nell'archivio delle anime che il libro farà rivivere per il lettore: storie di tragica spietata bellezza, come quella del poeta Stefanos, della ragazza Teresa e del bambino con il sasso in bocca. Con La prima verità che, fin dal titolo, da un verso di Ghiannis Ritsos, allude a una verità di valore assoluto oltre e attraverso le vicende del libro, che si svolgono in luoghi e tempi diversi, e delle vite dei personaggi che si presentano al lettore, Simona Vinci torna al romanzo dopo molti anni, e vi torna con una felicità e una libertà mai raggiunte prima.
- Alessandro Bertante - Gli ultimi ragazzi del secolo (Giunti): Luglio 1996. Un viaggio estivo in Croazia porta il protagonista, insieme a un amico, fino a Mostar e a Sarajevo per toccare con mano i segni di una guerra non ancora finita. Attraversando con una Panda le montagne bosniache, Bertante racconta le devastazioni e le paure del conflitto balcanico. Durante questo avventuroso viaggio, il narratore si mette a nudo con coraggio, raccontando la sua generazione cresciuta negli anni '80, un serpente che vediamo snodarsi attraverso le canzoni, i film, l'abbigliamento, la trasformazione di Milano, l'esplosione delle tv commerciali, la new wave e i centri sociali, fino alla mattanza delle droghe pesanti e alla tragedia dell'AIDS. Gli ultimi ragazzi del secolo è un romanzo crudo e potente dove la memoria di un adolescente randagio e ribelle si fonde con la dolorosa presa di coscienza di un giovane uomo di fronte al dramma della Storia.
- Luca Doninelli - Le cose semplici (Bompiani): Un giovane incontra a Parigi una ragazzina enfant prodige della matematica e i due s'innamorano, si fidanzano, si sposano. Lei, poco più che ventenne, va in America. Ma il mondo s'inceppa e in un batter d'occhio tutto finisce: niente più petrolio, niente più energia elettrica, commercio né moneta, niente più regole sociali. Ovunque solo guerre e carneficine. Il mondo si imbarbarisce e la sua caduta coglie i due innamorati ai due lati dell'oceano, senza possibilità di comunicare. Per vent'anni i due vivranno lontani, lei ha una vita durissima, lui comincia a scrivere per non dimenticarla, finché, dopo tanti anni, i due si ritroveranno, accesi dal fuoco della passione e dal bisogno di verità. Le cose semplici è il tentativo di raccontare il cammino dei nostri desideri più comuni ed elementari (e di tutto quello che ci tocca il cuore, fino a straziarci con la sua bellezza o con il ricordo pungente di essa) attraverso la labirintica distruttività del mondo. Il nostro bisogno di vivere una vita che si possa dire umana, di gioia ma anche di un dolore dotato di senso, è destinato a infrangersi contro il muro del potere, della superficialità, del pensiero indotto e dei luoghi comuni? O può trovare soddisfazione?
- Andrea Tarabbia - Il giardino delle mosche (Ponte alle Grazie): Tra il 1978 e il 1990, mentre in Unione Sovietica il potere si scopriva fragile e una certa visione del mondo si avviava al tramonto, Andrej Čikatilo, marito e padre di famiglia, comunista convinto e lavoratore, mutilava e uccideva nei modi più orrendi almeno cinquantasei persone. Le sue vittime (bambini e ragazzi di entrambi i sessi, ma anche donne) avevano tutte una caratteristica comune: vivevano ai margini della società o non si sapevano adattare alle sue regole. Erano insomma simboli del fallimento dell'idea comunista, sintomi dell'imminente crollo del Socialismo reale. Questo libro, sospeso tra romanzo e biografia, narra la storia di uno dei più feroci assassini del Novecento attraverso la visionaria, a tratti metafisica ricostruzione della confessione che egli rese in seguito all'arresto. E fa di più. Osa raccontare l'orrore e il fallimento in prima persona: Čikatilo, infatti, in questo libro dice io. È lui stesso a farci entrare nella propria vita e nella propria testa, a raccontarci le sue pulsioni più segrete, le sue umiliazioni e ossessioni. Il giardino delle mosche è un libro lirico e crudele allo stesso tempo: la storia di un'anima sbagliata, una meditazione sul potere e la sconfitta e, soprattutto, una discesa impietosa fino alle radici del Male.

Il nome del vincitore del Premio Campiello 2016 si conoscerà il 10 settembre.

venerdì 27 maggio 2016

Lamy Safari [recensione]


Da sempre ho avuto la passione per le penne stilografiche (non riesco a scrivere con le classiche penne a sfera), ma mi son sempre limitato ad avere modelli da usare giornalmente e che costassero poco (non ho mai superato i 9-10 euro); ricordo ancora quando nel 1988 acquistai la mia prima stilografica presso la Standa di Lecce: costava 2.500 lire!
Dopo quasi trent'anni, mi son deciso a fare il grande passo; quindi... ho voluto comprarne una che costasse qualche soldino in più e che non fosse la solita stilografica plasticosa. Dopo alcuni giorni di ricerche tra siti specializzati e video su YouTube, la mia scelta è caduta sul modello Safari della tedesca Lamy. E, lo dico subito, ne sono entusiasta!
Simili (sia per la forma che per le caratteristiche) alla Safari, la Lamy ha prodotto anche i modelli Al Star e Vista: il primo è in metallo e il secondo in plastica trasparente. La Safari (che ho comprato su Amazon a 16,50 euro) è sì una penna in plastica ma, al contrario delle altre stilografiche che ho avuto in passato, ha una sensazione di robustezza ed un design che inganna: sembra valere molto più di quel che costa! Comodissima e davvero particolare la parte in cui si impugna la penna con le dita.

 

La confezione di acquisto è davvero minimalista: è un semplice scatolino di cartone nero che contiene solo la penna ed una cartuccia di inchiostro blu. Il modello che ho preso io è di un bel colore blu brillante. Presenti la clip metallica (per inserire la penna nel taschino) ed una pratica finestrella per vedere il livello d'inchiostro e, quindi, capire quando si deve cambiare la cartuccia esaurita.


Il pennino presente su questo modello è un M (medio) ma, come su tutte le stilografiche della Lamy può essere sostituito (e ne esistono parecchie versioni): l'operazione è incredibilmente semplice e veloce (ho già fatto una prova di smontaggio/rimontaggio). Per il momento, comunque, mi tengo quello di serie (anche perché non mi piacciono i tratti troppo sottili) ma, in futuro, proverò anche il modello Italic 1.1 Calligraphic.


Diversamente da altri modelli di altre marche più o meno noti, che usano cartucce d'inchiostro standard (le classiche Pelikan 4001 che costano pochi euro e si trovano un po' ovunque), le stilografiche della Lamy utilizzano cartucce dal formato proprietario Lamy T10 ma, per chi desidera usare gli inchiostri in boccetta o il classico calamaio, si può inserire anche il Converter Z24 che funziona un po' come una specie di siringa: si inserisce al posto della cartuccia e, una volta che la penna è immersa nella boccetta, permette di aspirare l'inchiostro all'interno della stessa. Comunque, per adesso mi accontento delle cartucce (ho già comprato una confezione con inchiostro blu-nero... che sarebbe una specie di blu scuro). Il converter lo vedo bene per chi fa un uso intenso della scrittura manuale; ma per chi, come il sottoscritto, usa la stilografica anche andando in giro e sul posto di lavoro, risulta davvero scomodo portarsi appresso anche la boccetta dell'inchiostro!!!
In conclusione, reputo la mia nuova Lamy Safari un'ottima penna stilografica per l'uso giornaliero senza rinunciare ad un tocco di eleganza. E se proprio devo dargli un voto, dico subito 8!!!


----------
Aggiornamento del 16 giugno 2016:
Ampiamente deluso dalla Hero 616 e dalla Pelikan Twist, ho deciso di rimpiazzarle e di prendere una nuova Lamy Safari, questa volta di colore rosso... visto che, comunque, mi serve una penna che scriva di quel colore! Questa mattina, quindi, ho comprato la nuova penna stilografica (che ho già messo sotto stress) e queste sono le sue foto:




mercoledì 25 maggio 2016

La Spada della Verità - vol. 3

La Spada della Verità - vol. 3
di: Terry Goodkind

Formato: Kindle
Dimensioni file: 1998 KB
Pagine: 612
Editore: Fanucci Editore (1 gennaio 2006)
ASIN: B00C3HI5FA
Data di acquisto: 24 ottobre 2015
Letto dal 17 al 25 maggio 2016

Sinossi: Richard ha deciso di raggiungere l'amata Kahlan, regina della Galea, che sta tornando verso Ebinissia con l'intenzione di ricostruirla per poi governare la sua nuova patria. I piani di Richard vengono però sconvolti dall'entrata in scena di due temibili nemici, alleati tra loro: si tratta dell'Ordine Imperiale, l'esercito guidato dal misterioso Jagang, che vuole sottomettere il mondo intero, e della Stirpe dei Fedeli condotta dal generale Tobias Brogan, un uomo che odia la magia al punto di volerla estirpare per sempre, poiché la considera il mezzo con il quale il Guardiano del mondo sotterraneo influenza il mondo dei vivi...

La mia recensione: La saga de La spada della verità è composta da 11 volumi ma, leggendo questo terzo capitolo (a cui si aggiunge anche la delusione del secondo), ho già capito che non fa per me... ma, comunque, continuerò a leggerla solo ed esclusivamente per sapere come andrà a finire!
Che dire di questo terzo volume? Troppo prolisso, troppo caotico e troppo dispersivo (con la scena che si sposta continuamente in vari luoghi del magico territorio immaginato da Goodkind), e due dei protagonisti principali (mi riferisco a Khalan e Zed) completamente assenti, appena appena qualche piccola apparizione ogni tanto. Compaiono due nuovi nemici: il pazzo generale della Stirpe dei Fedeli Tobias Brogan (assistito da sua sorella Lunetta, l'unica del duo davvero pazza) e l'imperatore del vecchio mondo e tiranno dei sogni Jagang... ma non si capisce come quest'ultimo sia diventato così potente e, soprattutto, non si capisce perché, dopo la distruzione del Palazzo dei Profeti (di cui voleva impossessarsi), scompaia completamente dal libro.
Altra cosa che non ho proprio capito (ma che allo stesso tempo mi ha strappato un sorriso): c'era proprio bisogno di scimmiottare La spada nella roccia di arturiana memoria? Ad un certo punto del libro, infatti, Richard prende la sua spada (la Spada della Verità che dà il titolo a tutta la saga) e, prima di abbandonarla, la conficca nella roccia. Signori, per me è davvero troppo...!
Voto: 2 su 5

Le parti che ho sottolineato:
- "Danza con me, Morte. Sono pronto".
- Solo gli stupiti combattevano quando le probabilità di vincere erano pari a quelle dell'avversario, per non dire inferiori...
- Oggi tutti i giovani sono pigri. Sono andati là per aspettare, per essere accuditi invece che badare a se stessi da soli...
- Seconda regola del Mago: anche la migliore delle azioni può generare un gran male.
- La guerra significa uccidere, uccidili prima che essi lo facciano con te, ecco tutto. Chi vince ha ragione.
- "La moralità viene dall'alto, proprio come i genitori insegnano ai figli. Il primo passo è quello di stabilire delle leggi giuste e mostrare a tutti noi che possiamo vivere secondo le loro massime. Non si potranno mai fermare gli atti sbagliati, ma se non vengono puniti, allora essi prolifereranno fino al punto di diventare legge ed essere valutati con tolleranza e comprensione".
- "... se c'è qualcosa di buono non ci deve essere niente tra te e il piacere".
- Cos'è la realtà, la realtà della nostra esistenza?
- C'è del magico anche nella pazienza.
- "Il lupo non sopravvivere se annunciare al gregge di essere un lupo. Egli fare i suoi piani per attaccare e solo all'ultimo momento fare vedere se stesso, altrimenti la preda sapere di essere seguita da un lupo".
- Il giuramento di proteggere il tuo popolo. Non c'è mai un sacrificio troppo grande per questo.
- Terza regola del Mago: le passioni governano la ragione.

----------
Precedenti libri recensiti della saga della Spada della Verità:
- 15 dicembre 2015: volume 2
- 1 ottobre 2015: volume 1
- 22 febbraio 2015: Debito di ossa (prequel de La Spada della Verità)

domenica 22 maggio 2016

I libri più venduti (nella settimana dall'8 al 14 maggio)

Questi i libri più venduti nella settimana dall'8 al 14 maggio 2016:

1. (n.e.) Luciano Ligabue: Scusate il disordine (Einaudi)
2. (=) Simonetta Agnello Hornby: Caffè amaro (Fetrinelli)
3. (=) Roberto Cerè: Storie impossibili (Mind)
4. (=) Roberto Cerè: Un anno per un giorni (Mondadori)
5. (1.) Marco Malvaldi: La battaglia navale (Sellerio)
6. (4.) Jojo Moyes: Dopo di te (Mondadori)
7. (n.e.) Michael Connelly: La stategia di Bosch (Piemme)
8. (6.) Zerocalcare: Kobane calling (Bao Publishing)
9. (n.e.) Lisa Hilton: Maestra (Longanesi)
10. (n.e.) Jeffery Deaver: Il bacio d'acciaio (Rizzoli)

[precedente settimana]

sabato 21 maggio 2016

La Juve vince la Coppa Italia... e manda il Sassuolo in Europa!

Storico trionfo della Juventus (accoppiata Scudetto e Coppa per il secondo anno consecutivo) che all'Olimpico di Roma batte 1-0 il Milan ai supplementari e conquista la sua 11a Coppa Italia.
Primo tempo di marca rossonera. Al 13' Bonaventura fallisce il tap-in su cross di Calabria. Al 23' Neto in due tempi ferma il solito Bonaventura, al 39' Poli manda a lato da buona posizione. Ripresa equilibrata; ci provano, senza fortuna, Pogba e De Sciglio... ma resta lo 0-0 e, quindi, spazio ai supplementari: Pogba da fuori, rovesciata alta di Bacca. Poi al 110' Morata, appena entrato, si fa trovare pronto su cross di Cuadrado e batte Donnarumma: è l'1-0. Festeggia anche il Sassuolo che, per la prima volta nella sua storia, vola meritatamente in Europa League.

- L'Albo d'Oro della Coppa Italia: 1922 Vado; 1927 interrotta nei Sedicesimi di f. per mancanza di date disponibili per le partite; 1936 Torino; 1937 Genoa; 1938 Juventus; 1939 Ambrosiana Inter; 1940 Fiorentina; 1941 Venezia; 1942 Juventus; 1943 Torino; 1958 Lazio; 1959 e 1960 Juventus; 1961 Fiorentina; 1962 Napoli; 1963 Atalanta; 1964 Roma; 1965 Juventus; 1966 Fiorentina; 1967 Milan; 1968 Torino; 1969 Roma; 1970 Bologna; 1971 Torino; 1972 e 1973 Milan 1974; Bologna; 1975 Fiorentina; 1976 Napoli; 1977 Milan; 1978 Inter; 1979 Juventus; 1980 e 1981 Roma; 1982 Inter; 1983 Juventus; 1984 Roma; 1985 Sampdoria; 1986 Roma; 1987 Napoli; 1988 e 1989 Sampdoria; 1990 Juventus; 1991 Roma; 1992 Parma; 1993 Torino; 1994 Sampdoria; 1995 Juventus; 1996 Fiorentina; 1997 Vicenza; 1998 Lazio; 1999 Parma; 2000 Lazio; 2001 Fiorentina; 2002 Parma; 2003 Milan; 2004 Lazio; 2005 e 2006 Inter; 2007 e 2008 Roma; 2009 Lazio; 2010 e 2011 Inter; 2012 Napoli; 2013 Lazio; 2014 Napoli; 2015 e 2016 Juventus

Maxi Zagor n. 27

Maxi Zagor n. 27: L'uomo che vedeva il futuro - I rinnegati

Data di uscita: 21 maggio 2016
Pagine: 292
Copertina: Gallieno Ferri
Lettering: Giuseppina Caresana
Prezzo: 6,80 euro

- L'uomo che vedeva il futuro
Soggetto e sceneggiatura: Roberto Altariva
Disegni: Domenico e Stefano Di Vitto
Akebe, il giovane sciamano degli Shawnee, ha la capacità di prevedere eventi futuri. Quando un bellicoso guerriero di nome Wakuta e i suoi alleati ordiscono un piano per trascinare gli Shawnee in guerra contro i bianchi, Akebe ha una visione che gli mostra come quell'evento porterà distruzione su tutta Darkwood. Nonostante sia scampato alla morte solo grazie all'intervento di Zagor, una nuova drammatica visione spingerà lo sciamano a temere che anche lo Spirito con la Scure sia coinvolto nella congiura, e a fidarsi soltanto della donna che ama: Sooleawa

- I rinnegati
Soggetto e sceneggiatura: Antonio Zamberletti
Disegni: Domenico e Stefano Di Vitto
Qualcuno trama nell'ombra per trascinare Gran Bretagna e Stati Uniti in una nuova guerra che farebbe crollare i fragili equilibri politici del Vecchio Continente. Le foreste del Nord, dove la macchinazione sta per prendere il via, sono diventate il crocevia di spie e agenti segreti, mentre un gruppo di mercenari senza scrupoli è pronto a sferrare il primo, micidiale colpo che porterà i due paesi sulla soglia della guerra. Solo Zagor, assieme a un pugno di eroici Huron e a un ex soldato dal tormentato passato, può svelare il diabolico intrigo ed evitare una catastrofe

venerdì 20 maggio 2016

"La rosa nel pugno", il libro con scritti e interviste di Marco Pannella

Dovrebbe essere (uso il condizionale) La rosa nel pugno l'ultimo libro, in ordine di tempo, dedicato a Marco Pannella. Scritto da Lanfranco Palazzolo, giornalista di Radio Radicale, raccoglie scritti, interviste varie ed alcuni discorsi parlamentari dello storico leader dei Radicali scomparso ieri.
A fare da apripista al libro, troviamo la proposta (datata marzo 1959), di Pannella a Togliatti, per unire la sinistra democratica e quella comunista in una sorta di alleanza alternativa alla DC.
La rosa nel pugno è acquistabile su Amazon.it (attualmente però non è disponibile), su Hoepli.it e su Kaosedizioni.com.

giovedì 19 maggio 2016

TIM ci riprova: ecco "TIM Prime Go"


Dopo il brusco dietro front di TIM con il suo TIM Prime per evitare noie con l'AGCM (per una presunta violazione dell'art. 65 del Codice del consumo che vieta l'attivazione di servizi senza un esplicito consenso), l'operatore di Telecom Italia ha comunque stabilito un cambio in corsa e, dal prossimo 15 giugno, lancerà TIM Prime Go, che sarà applicato automaticamente a quasi tutti gli utenti ricaricabili.
Il servizio, che avrà un costo di 49 centesimi a settimana (da sommare a quelli del proprio piano tariffario base), offrirà:

- due biglietti per il cinema al prezzo di uno
- di guardare gratis tutti i contenuti premium dell'App Serie A TIM (l'applicazione ufficiale della Serie A)
- si potrà avere un numero preferito TIM a cui poter fare chiamate ed inviare SMS illimitati. La prima volta che si sceglierà il numero preferito sarà gratis, le modifiche successive costeranno 2 euro
- Free Ricarica+: rispondendo SI all'SMS che si riceverà ad ogni ricarica, si potrà vincere un premio in chiamate ed SMS. Inoltre, ogni giorno TIM metterà in palio ricariche gratis, Samsung Galaxy S6 Edge e Tablet LTE.

Già da adesso è possibile verificare se il proprio piano tariffario rientra tra quelli interessati da TIM Prime Go o chiamando il 409162 o accedendo alla sezione My TIM Mobile... e, se non si desidera aderire, si hanno due possibilità:

- passare a uno dei piani tariffari che non fanno parte di TIM Prime Go: basterà chiamare sempre il 409162 (o andare sulla pagina ufficiale)
- chiedere (in casi limiti) la rescissione del contratto senza alcun costo aggiuntivo: bisognerà richiamare il 409162 (entro la data riportata nell'SMS ricevuto dopo la prima telefonata) e seguire le apposite istruzioni. In alternativa si può:
     a) compilare il seguente modulo
     b) inviare un SMS al 119 con testo CESSAZIONE SIM
     c) chiamare il 119
     d) cambiare operatore.

Zagor Collezione storica a colori: i numeri dal 6 al 10


- n. 6: Il mostro di acciaio
Data di uscita: 22 marzo 2012
Prezzo di copertina: 6,90 euro
In questo numero: Scure rossa (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri); L'uragano! (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri); Il cervo sacro (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Enzo e Antonio Chiomenti); Terrore nella valle (soggetto e sceneggiatura di Guanluigi Bonelli, disegni di Gallieno Ferri)
Cico è costretto addirittura a improvvisarsi chirurgo per salvare il suo amico Zagor, che potrà così prendersi la rivincita nei confronti di chi lo voleva uccidere, nella storia ad alta tensione che vede il ritorno ai testi di Guido Nolitta. Nell'episodio successivo, i nostri eroi fanno naufragio su un'isola dove vengono soccorsi dagli Ottawas di Teseka: qui i bianchi spadroneggiano terrorizzando gli indiani con le incursioni di Titan, l'enorme robot creato da Hellingen, un folle scienziato che vuole dominare il mondo grazie alle sue diaboliche invenzioni. Lo Spirito con la Scure viene catturato e finisce prigioniero in un avveniristico laboratorio, dove il primo scontro con il malvagio professore si conclude in modo spettacolare. La terza avventura, Il cervo sacro, è disegnata da Enzo e Antonio Chiomenti: Zagor e Cico devono aiutare uno studioso di nome Kruger e il suo assistente Mayer, dopo che i due si sono messi in grossi guai con gli Irochesi. Infine, poche pagine per l'inizio di L'abisso verde, di G.L. Bonelli e Gallieno Ferri, in cui Zagor dovrà vedersela con un enorme dinosauro!

- n. 7: La vendetta dello stregone
Data di uscita: 29 marzo 2012
Prezzo di copertina: 6,90 euro
In questo numero: Terrore nella valle (soggetto e sceneggiatura di Guanluigi Bonelli, disegni di Gallieno Ferri); Il messaggio tragico (soggetto e sceneggiatura di Guanluigi Bonelli, disegni di Gallieno Ferri); Il mistero del mulino (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri); Lo squadrone fantasma (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri); Iron-man (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri)
Nella prima parte di questo volume si conclude l'episodio, scritto da Gianluigi Bonelli e disegnato da Gallieno Ferri, in cui un enorme dinosauro è scaturito da un abisso, a causa di un improvviso terremoto. Gli Oneida sono terrorizzati e decidono di sacrificare la bella Reeda a quella mostruosa creatura. Umapai, il fratello della ragazza, si rivolge disperato a Zagor, l'unico in grado di salvarla. L'avventura successiva, ancora scritta da Gianluigi Bonelli, vede lo Spirito con la Scure alla ricerca degli autori di un orribile massacro compiuto ai danni di una carovana di mormoni. Con Il mistero del mulino torna la coppia Guido Nolitta/Gallieno Ferri: Zagor e Cico devono fermare un ignobile traffico di schiavi organizzato dal boscaiolo Timber Bill. La nostra coppia di eroi saprà come punire il criminale e i perfidi negrieri. Nella brevissima storia seguente, intitolata Lo squadrone fantasma (sempre realizzata da Nolitta/Ferri), un nutrito gruppo di indiani Cayuga sembra voler ignorare l'autorità dello Spirito con la Scure, attaccando una famiglia di inermi coloni.

- n. 8: La porta della paura
Data di uscita: 5 aprile 2012
Prezzo di copertina: 6,90 euro
In questo numero: Iron-man (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri); Gentiluomo... ma non troppo ! (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri); La porta della paura (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri); Missione speciale (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri)
Si chiama Iron-Man il grande nemico che sfida Zagor in questo volume, tutto scritto da Guido Nolitta e disegnato da Gallieno Ferri. Si comincia con un terribile problema per Zagor e Cico: le tribù di Darkwood non riconoscono più l'autorità dello Spirito con la Scure. Il nuovo, sedicente, messaggero di Manito indossa un'armatura in maglia di ferro, resistentissima, che lo rende invulnerabile. Zagor lo affronta in duello, ma viene clamorosamente sconfitto di fronte a tutti i capi pellerossa. Fortunatamente, ci sarà un torneo a Darkwood in cui il nostro eroe potrà ribaltare la situazione. Nell'episodio successivo, Zagor sventa il colpo preparato dall'astuto Buddy Fox ai danni dei proprietari di una villa, e aiuta il dottor Galloway, prigioniero degli indiani per colpa di un errore di Cico. Nella terza avventura, il Re di Darkwood e il simpatico messicano attraversano in canoa gli oscuri abissi della Porta della Paura: si ritrovano così in una valle dove il tempo si è fermato al Paleolitico. Infine, in Missione speciale, Zagor se la deve vedere con l'arrogante e ottuso sergente Dubrosky...

- n. 9: Il mare bianco
Data di uscita: 12 aprile 2012
Prezzo di copertina: 6,90 euro
In questo numero: Fort Thunder (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri); I predoni della montagna (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Mario Cubbino e Gallieno Ferri); Un nido di vipere (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri); Ombre! (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri); Un tragico patto (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri)
Si chiude lo scontro fra Zagor e l'ottuso sergente Dubrosky, che vuole far erigere un avamposto militare al Passo del Tuono, deviando così le mandrie dei bisonti e suscitando l'ira degli Shawnee. Il conflitto tra i due porterà alla condanna a morte di Zagor, e sarà Cico a sbrogliare la drammatica situazione. Nell'episodio successivo, disegnato da Mario Cubbino, lo Spirito con la Scure se la dovrà vedere con il perfido mister Dixon, bieco ricattatore. Mentre nella storia seguente, il rivale è Bimbo Sullivan, losco trafficante di armi. È poi la volta di Ombre!, una lunga avventura in cui Zagor e Cico incontrano l'ingegner Robson, impegnato nella costruzione di una ferrovia. Molti degli operai cinesi che vi lavorano stanno abbandonando il cantiere, e Zagor scopre che questi uomini finiscono per ingrossare le fila di un gruppo di predoni che assale i mercantili lungo le coste della Virginia, guidati dal sanguinario Ly-Cieng. Infine, in Un tragico patto, Zagor deve togliere dai guai il giovane Freddie Duncan, che, alla ricerca di un antico tesoro, ha profanato una collina sacra agli indiani...

- n. 10: Giustizia!
Data di uscita: 19 aprile 2012
Prezzo di copertina: 6,90 euro
In questo numero: La spada del conquistador (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri); Territorio indiano (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri); Una tragica missione (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri); Lo stregone scomparso (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri)
Alla ricerca di un antico tesoro, il giovane Freddie Duncan si mette nei guai con gli indiani Uroni. Sarà Zagor a dovere sbrogliare la situazione, anche grazie all'incontro con il simpatico cercatore d'oro Benjamin Mandell. Nell'avventura successiva, il mercante d'armi Black Jordan vuole far scendere sul sentiero di guerra Scure Gialla, capo dei Naskapi, per potergli vendere grandi forniture di fucili: gli fa così credere che i soldati hanno violato il trattato di pace. Il sakem, però, vuole avere un colloquio con il colonnello Clark, e toccherà a Zagor, in un viaggio irto di pericoli, portare l'ufficiale nel campo dei Naskapi. Nell'episodio seguente, lo Spirito con la Scure fa da scorta a un gruppo di militari che trasporta una grossa somma di denaro, ma il convoglio cade in un agguato: i soldati vengono uccisi e il nostro eroe, ferito gravemente, è soccorso da Tawar, uno stregone che ha lasciato la sua tribù. Il Re di Darkwood sarà però accusato del furto del denaro e condannato ai lavori forzati a vita a Hellgate, un vero inferno per i vivi!

[1-5]

mercoledì 18 maggio 2016

Europa League: il Siviglia è leggenda

Il Siviglia è nella storia. A Basilea, infatti, gli spagnoli battono 3-1 il Liverpool e conquistano per il terzo anno di fila l'Europa League. Buon avvio spagnolo, ma il Liverpool col passare dei minuti crea tanto e al 35' passa in vantaggio con un sinistro al bacio di Sturridge. Gli inglesi spingono: doppio mani in area, ma l'arbitro lascia correre. Nel secondo tempo l'incredibile rimonta andalusa: prima l'1-1 di Gameiro proprio al 46', poi si scatena capitan Coke che va a segno al 64' e al 70' per il definitivo 3-1... e, alla fine, può alzare il quinto trofeo (tra Coppa Uefa ed Europa League) del club rojiblancos.

----- L'Albo d'Oro dell'Europa League:
- Coppa delle Fiere: 1955/58 e 1958/60 Barcellona (Spagna); 1960/61 Roma (Italia); 1961/62 e 1962/63 Valencia (Spagna); 1963/64 Real Saragozza (Spagna); 1964/65 Ferencvaros (Ungheria); 1965/66 Barcellona (Spagna); 1966/67 Dinamo Zagabria (Yugoslavia); 1967/68 Leeds United (Inghilterra); 1968/69 Newcastle United (Inghilterra); 1969/70 Arsenal (Inghilterra); 1970/71 Leeds United (Inghilterra)
- Coppa Uefa: 1971/72 Tottenham Hotspur (Inghilterra); 1972/73 Liverpool (Inghilterra); 1973/74 Feyenoord (Olanda); 1974/75 Borussia Mönchenglad (Germania Ovest); 1975/76 Liverpool (Inghilterra); 1976/77 Juventus (Italia); 1977/78 PSV Eindhoven (Olanda); 1978/79 Borussia Mönchenglad (Germania Ovest); 1979/80 Eintracht Francoforte (Germania Ovest); 1980/81 Ipswich Town (Inghilterra); 1981/82 IFK Göteborg (Svezia); 1982/83 Anderlecht (Belgio); 1983/84 Tottenham Hotspur (Inghilterra); 1984/85 e 1985/86 Real Madrid (Spagna); 1986/87 IFK Göteborg (Svezia); 1987/88 Bayer Leverkusen (Germania Ovest); 1988/89 Napoli (Italia); 1989/90 Juventus (Italia); 1990/91 Inter (Italia); 1991/92 Ajax (Olanda); 1992/93 Juventus (Italia); 1993/94 Inter (Italia); 1994/95 Parma (Italia); 1995/96 Bayern Monaco (Germania); 1996/97 Schalke 04 (Germania); 1997/98 Inter (Italia); 1998/99 Parma (Italia); 1999/2000 Galatasaray (Turchia); 2000/01 Liverpool (Inghilterra); 2001/02 Feyenoord (Olanda); 2002/03 Porto (Portogallo); 2003/04 Valencia (Spagna); 2004/05 CSKA Mosca (Russia); 2005/06 e 2006/07 Siviglia (Spagna); 2007/08 Zenit SP (Russia); 2008/09 Sachtar D. (Ucraina)
- Europa League: 2009/10 Atletico Madrid (Spagna); 2010/11 Porto (Portogallo); 2011/12 Atletico Madrid (Spagna); 2012/13 Chelsea (Inghilterra); 2013/14, 2014/15 e 2015/16 Siviglia (Spagna)

Le date della stagione calcistica 2016/27


Queste le date ufficiali della stagione calcistica 2016/17. L'Inter, con il suo quarto posto in campionato, si è assicurata la partecipazione alla prossima Europa League.

----- Campionato di Serie A
- Prima giornata: domenica 21 agosto 2016
- Ultima giornata: domenica 28 maggio 2017
- Turni infrasettimanali: mercoledì 21 settembre 2016, mercoledì 26 ottobre 2016 e giovedì 22 dicembre 2016
- Soste per la Nazionale: domenica 4 settembre 2016, domenica 9 ottobre 2016, domenica 13 novembre 2016 e domenica 26 marzo 2017
- Sosta natalizia: domenica 25 dicembre 2016 e domenica 1 gennaio 2017

----- Coppa Italia (TIM Cuup)
- Turni eliminatori: domenica 31 luglio 2016 (primo turno), domenica 7 agosto 2016 (secondo turno), sabato 13 agosto 2016 (terzo turno) e mercoledì 30 novembre 2016 (quarto turno)
- Ottavi di finale: mercoledì 11 gennaio 2017 e mercoledì 18 gennaio 2017
- Quarti di finale: mercoledì 25 gennaio 2017 e mercoledì 1 febbraio 2017
- Semifinali: mercoledì 1 marzo 2017 (andata); mercoledì 5 aprile 2017 (ritorno)
- Finale: venerdì 2 giugno 2017 (data di riserva mercoledì 17 maggio 2017)

----- Supercoppa italiana
- Gara unica (Juventus-Milan) con data da stabilire tra il 10 settembre 2016 e il 31 gennaio 2017

----- Supercoppa europea
- Gara unica in Norvegia (in data da stabilire) al Lerkendal Stadion di Trondheim

----- Mondiali per club
- In Giappone (date da ufficializzare) dall'8 al 18 dicembre 2016

----- Champions League
- Sorteggi per il Primo e Secondo turno di qualificazione: 20 giugno 2016
- Primo turno di qualificazione: 28 e 29 giugno 2016 (andata); 5 e 6 luglio 2016 (ritorno)
- Secondo turno di qualificazione: 12 e 13 luglio 2016 (andata); 19 e 20 luglio 2016 (ritorno)
- Terzo turno di qualificazione: 15 luglio 2016 (sorteggi); 26 e 27 luglio 2016 (andata); 2 e 3 agosto 2016 (ritorno)
- Play-off: 5 agosto 2016 (sorteggi); 16 e 17 agosto 2016 (andata); 23 e 24 agosto 2016 (ritorno)
- Sorteggi dei gironi della Prima fase: 25 agosto 2016
- Prima fase: 13 e 14 settembre 2016 (prima giornata); 27 e 28 settembre 2016 (seconda giornata); 18 e 19 ottobre 2016 (terza giornata); 1 e 2 novembre 2016 (quarta giornata); 22 e 23 novembre 2016 (quinta giornata); 6 e 7 dicembre 2016 (sesta ed ultima giornata)
- Sedicesimi di finale: 12 dicembre 2016 (sorteggi); 14–15 e 21–22 febbraio 2017 (andata); 7–8 e 14–15 marzo 2017 (ritorno)
- Quarti di finale: 17 marzo 2017 (andata); 11 e 12 aprile 2017 (andata); 18 e 19 aprile 2017 (ritorno)
- Semifinali: 21 aprile 2017 (sorteggi); 2 e 3 maggio 2017 (andata); 9 e 10 maggio 2017 (ritorno)
- Finale: al Millennium Stadium di Cardiff il 3 giugno 2017

----- Europa League
- Sorteggi per il Primo e Secondo turno di qualificazione: 20 giugno 2016
- Primo turno di qualificazione: 30 giugno 2016 (andata); 7 luglio 2016 (ritorno)
- Secondo turno di qualificazione: 14 luglio 2016 (andata); 21 luglio 2016 (ritorno)
- Terzo turno di qualificazione: 15 luglio 2016 (sorteggi); 28 luglio 2016 (andata); 4 agosto 2016 (ritorno)
- Play-off: 5 agosto 2016 (sorteggi); 18 agosto 2016 (andata); 25 agosto 2016 (ritorno)
- Sorteggi dei gironi della Prima fase: 26 agosto 2016
- Prima fase: 15 settembre 2016 (prima giornata); 29 settembre 2016 (seconda giornata); 20 ottobre 2016 (terza giornata); 3 novembre 2016(quarta giornata); 24 novembre 2016 (quinta giornata); 8 dicembre 2016 (sesta ed ultima giornata)
- Sedicesimi di finale: 12 dicembre 2016 (sorteggi); 16 febbraio 2017 (andata); 23 febbraio 2017 (ritorno)
- Ottavi di finale: 24 febbraio 2017 (sorteggi); 9 marzo 2017 (andata); 16 marzo 2017 (ritorno)
- Quarti di finale: 17 marzo 2017 (sorteggi); 13 aprile 2017 (andata); 20 aprile 2017 (ritorno)
- Semifinali: 21 aprile 2017 (sorteggi); 4 maggio 2017 (andata); 11 maggio 2017 (ritorno)
- Finale: al Friends Arena di Solna il 24 maggio 2017

martedì 17 maggio 2016

La ragazza del treno

La ragazza del treno
di: Paula Hawkins

Formato: Kindle
Dimensioni file: 699 KB
Pagine: 215
Editore: Edizioni Piemme (23 giugno 2015)
ASIN: B00XQJ74HO
Data di acquisto: 2 maggio 2016
Letto dal 14 al 17 maggio 2016

Sinossi: La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua. Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cos'ha visto davvero Rachel? Nelle mani sapienti di Paula Hawkins, il lettore viene travolto da una serie di bugie, verità, colpi di scena e ribaltamenti della trama che rendono questo romanzo un thriller da leggere compulsivamente, con un finale ineguagliabile.

La mia recensione: Non ho proprio parole per descrivere un libro che non mi è piaciuto sin dalla prima pagina! Trama assurda che, detto papale papale, è più incasinata di una puntata di Beautiful: ci sono due coppie sposate (Tom e Anna, Scott e Megan) e due single (la protagonista Rackel e lo psichiatra Kamal). Ora, se vi riesce, seguitemi aiutandovi anche con questo schema che ho preparato:


Rackel è l'ex moglie (tradita) di Tom, ora sposato con Anna che, a sua volta, viene tradita con la sua vicina di casa Megan... che, nel frattempo, ha una relazione con Kamal. Megan, ad un certo punto della storia, sparisce e viene ritrovata cadavere... e tutti sospettano di tutti! Ma il marito della morta che cosa fa? Si consola subito subito con Rackel che, contemporaneamente, ci prova anche con Kamal! Mamma mia che porcata di racconto!!! Già, ma in tutta questa baraonda, chi e perché ha ucciso Megan? Ma, soprattutto, chi è veramente Megan e cosa nasconde il suo passato? Siamo ancora a maggio... ma questo libro è seriamente candidato ad essere il più brutto tra quelli letti (dal sottoscritto) nel corso del 2016.
Voto: 1 su 5

Le parti che ho evidenziato:
- Ero felice da fare schifo, e al tempo stesso profondamente disperata.
- L'arte non tira nelle periferie, non con la crisi che c'è...
- Il mio cuore sembra un uccellino indemoniato che prova ad uscire dalla gabbia.
- Non pretendere che io abbia la testa sulle spalle. Non posso. Non con te.
- Mi chiedo quando sia iniziato il mio declino e in quale punto avrei potuto invertire la tendenza. Quando ho preso la strada sbagliata?
- Devo imparare ad essere felice e che devo smetterla di cercare il mio benessere fuori da me.
- Ci sono battaglie che non vale la pena di combattere.
- Io non credo all'esistenza dell'anima gemella, ma con lui c'è un'intesa che non ho mai provato prima, o almeno, che non provavo da un sacco di tempo. Nasce dall'aver condiviso esperienze simili: noi sappiamo cosa significa essere spezzati. Sentirsi vuoto: lo capisco perfettamente. Comincio a credere che non esista una soluzione. [...] I buchi della vita non si chiudono più. Devi crescere intorno a loro, come le radici che affondano nel cemento, e devi rimodellarti intorno alle crepe.
- Da quando la casa è diventata così piccola? E la mia vita così noiosa? E' davvero questo che volevo? Non me lo ricordo.
- Quando chiudo gli occhi, ho la mente piena di immagini di vite passate e future, vedo le cose che desideravo, quello che ho avuto e che ho gettato via.
- [...] i treni che sfrecciano ricordandomi in continuazione che io sono ferma qui, che non vado da nessuna parte.
- Non la consideravo una persona reale, e poi mi divertivo tantissimo. Essere l'altra è eccitante, non posso negarlo: sei quella alla quale lui non sa dire di no, per quanto sia innamorato della moglie. Ti senti semplicemente irresistibile.
- Le alchimie delle famiglie sono spesso incomprensibili agli estranei.

lunedì 16 maggio 2016

Zagor Albo gigante


Zagor Albo gigante (detto anche Zagorone) è una collana di albi annuali di grande formato, inaugurata nel maggio 2011 per festeggiare i 50 anni dello Spirito con la scure e, dopo una serie di tre numeri, interrotta per i troppi costi di produzione.

- n. 1: Il castello nel cielo
Data di uscita: 25 maggio 2011
Prezzo di copertina: 7 euro
Soggetto e sceneggiatura: Moreno Burattini
Disegni: Marco Torricelli
Copertina: Gallieno Ferri
Voto: 4 su 5
Uno scrittore ossessionato dalle visioni che ispirano i suoi racconti giunge a Darkwood, convinto che i fatti e i personaggi dei propri scritti, che un tempo credeva frutto della sua fantasia e dei suoi incubi, possano trovare, invece, una terribile corrispondenza nella realtà. Infatti, creature demoniache cominciano a spargere il terrore nella foresta... e Zagor deve affrontare, con la sua scure, la magia di Koontz, uno stregone giunto da una dimensione misteriosa!

- n. 2: L'uomo che sconfisse la morte
Data di uscita: 30 maggio 2012
Prezzo di copertina: 7 euro
Soggetto e sceneggiatura: Moreno Burattini
Disegni: Marco Verni
Copertina: Gallieno Ferri
Voto: 5 su 5
Un antico nemico, creduto morto, torna dall'Oltretomba e sfida Zagor, sostenendo che il Grande Spirito ha prescelto lui alla guida delle tribù di Darkwood e che proprio il suo ritorno in vita ne è la prova. Nel corso di un drammatico duello di fronte a tutti i sakem della foresta, Zagor viene sconfitto nel modo più incredibile... Ma c'è qualcosa di accaduto nel passato che influisce anche sul presente: infatti, lo Spirito con la Scure, prima di questi fatti, si era trovato coinvolto nella lotta contro un nobile russo, il conte Zalacenko, deciso a dare la caccia a una comunità di profughi polacchi, oppositori politici del regime zarista che domina il loro Paese. Che collegamento hanno le due vicende? Solo il tragico finale di una storia tesa e senza respiro, lo rivelerà.

- n. 3: La storia di Betty Wilding
Data di uscita: 30 maggio 2013
Prezzo di copertina: 7 euro
Soggetto e sceneggiatura: Moreno Burattini
Disegni: Gallieno Ferri
Copertina: Gallieno Ferri
Voto: 5 su 5
Chi sono gli uomini venuti dall'Irlanda fino a Darkwood? E perché cercano una donna chiamata Betty, che sanno essere stata sposata, un tempo, con un cacciatore della foresta di nome Mike Wilding? Il ritorno di Zagor sulle rive del Clear Water, là dove molti anni prima gli indiani Abenaki sterminarono la sua famiglia, coincide con un incontro che riallaccia lo Spirito con la Scure con le sue radici irlandesi, già rese evidenti dal nome che gli è stato dato: Patrick. Betty Wilding è infatti sua madre, ma il mistero che circonda il suo passato sembra avere tragiche conseguenze anche nel presente, allorché un feroce capo indiano e un terzetto di rinnegati irrompono sulla scena per impedire che il nostro eroe ne venga a capo...

[link alla mia collezione]

TIM: come attivare (gratis) il 4G

Ieri vi ho detto che TIM ha incentivato il passaggio (per chi ha gli Smartphone compatibili) al 4G, offrendolo addirittura gratis. Tuttavia, il passaggio dal 3G al 4G non è automatico ma, va richiesto (entro il 12 giugno per i piani ricaricabili) o tramite l'app MyTim Mobile o tramite il sito web dell'operatore. Vediamo, quindi, come si effettua quest'operazione via Pc:


- andate su www.tim.it e, in alto a destra, loggatevi su MyTim (o iscrivetevi, se non lo avete mai fatto)
- entrerete nella vostra pagina (con visualizzato il credito residuo, il piano e le offerte attive sul proprio numero)


- cliccate su Offerte per Te e selezionate Regalo Velocità 4G (come potete notare, il costo è pari a 0)


- inserite il vostro indirizzo email, accettate le info contrattuali e cliccate su Conferma Acquisto
- una nuova schermata (ed una mail di TIM) vi daranno la conferma dell'attivazione (che avverrà entro 48 ore).


I libri più venduti (nella settimana dal 1 al 7 maggio)

Questi i libri più venduti nella settimana dal 1 al 7 maggio 2016:

1. (=) Marco Malvaldi: La battaglia navale (Sellerio)
2. (6.) Simonetta Agnello Hornby: Caffè amaro (Feltrinelli)
3. (n.e.) Roberto Cerè: Storie impossibili (Mind)
4. (n.e.) Jojo Moyes: Dopo di te (Mondadori)
5. (4.) Greta Menchi: Il mio libro sbagliato (Fabbri)
6. (2.) Zerocalcare: Kobane calling (Bao Publishing)
7. (3.) Papa Francesco: Amoris laetitia (San Paolo)
8. (n.e.) Elizabeth Strout: Mi chiamo Lucy Barton (Einaudi)
9. (n.e.) Viola Shipman: La metà del cuore (Giunti)
10. (7.) Rosanna Lambertucci: La dieta che ti cambia la vita (Mondadori)

[precedente settimana]

domenica 15 maggio 2016

Serie A 2015/16: la classifica finale, i verdetti ed i marcatori

La classifica finale ed i verdetti 2015/16:
1. Juventus 91 Campione d'Italia, accede alla fase a gironi della Champions League
2. Napoli 82 accede alla fase a gironi della Champions League
3. Roma 80 ammessa ai preliminari di Champions League
4. Inter 67 ammessa in Europa League
5. Fiorentina 64 ammessa in Europa League
6. Sassuolo 61 ammessa (in virtù della conquista della Coppa Italia da parte dell Juve) ai Preliminari di Europa League
7. Milan 57
8. Lazio 54
9. Chievo Verona 50
10. Empoli e Genoa 46
12. Atalanta e Torino 45
14. Bologna 42
15. Sampdoria 40
16. Palermo ed Udinese 39
18. Carpi 38 retrocede in Serie B
19. Frosinone 31 retrocede in Serie B
20. Hellas Verona 28 retrocede in Serie B

[clicca qui per leggere l'Albo d'Oro]

Classifica Marcatori: Gonzalo Higuain (Napoli) 36; Paulo Dybala (Juventus) 19; Carlos Bacca (Milan) 18; Mauro Emanuel Icardi (Inter) 16; Mohamed Salah (Roma) e Leonardo Pavoletti (Genoa) 14; Massimo Maccarone (Empoli), Josip Ilicic (Fiorentina) e Martins Citadin Eder (Sampdoria e Inter) 13; Nikola Kalinic (Fiorentina), Lorenzo Insigne (Napoli) e Andrea Belotti (Torino) 12; Cyril Thereau Udinese) 11; Mario Mandzukic (Juventus), Antonio Candreva (Lazio), Miralem Pjanic (Roma) e Alberto Gilardino (Palermo) 10

sabato 14 maggio 2016

Liga spagnola: l'Albo d'Oro


Il Barcellona vincendo a Granada conquista la sua 24a Liga. I blaugrana si sono imposti per 3-0 nella gara dell'ultima giornata grazie a una tripletta di Suarez e hanno così conquistato il titolo, il secondo consecutivo con Luis Enrique in panchina. Ininfluente la vittoria per 2-0 del Real Madrid sul campo del Deportivo La Coruna, firmata da una doppietta di Cristiano Ronaldo. Il Barcellona, infatti, chiude a 91 punti, uno in più della squadra guidata da Zinedine Zidane.

L'albo d'Oro della Liga (Primera División): 1928/29 Barcellona; 1929/30 e 1930/31 Athletic Bilbao; 1931/32 e 1932/33 Real Madrid; 1933/34 Athletic Bilbao; 1934/35 Betis Siviglia; 1935/36 Athletic Bilbao; 1936/37 Barcellona (campionato disputato come Liga Mediterránea de fútbol e vi parteciparono solo le squadre della Comunità valenzana e della Catalogna, pertanto non è riconosciuto come campionato spagnolo ufficiale); dal 1936/37 al 1938/39 campionato sospeso per la Seconda Guerra Mondiale; 1939/40 e 1940/41 Atletico Madrid; 1941/42 Valencia; 1942/43 Athletic Bilbao; 1943/44 Valencia; 1944/45 Barcellona; 1945/46 Siviglia; 1946/47 Valencia; 1947/48 e 1948/49 Barcellona; 1949/50 e 1950/51 Atletico Madrid; 1951/52 e 1952/53 Barcellona; 1953/54 e 1954/55 Real Madrid; 1955/56 Athletic Bilbao; 1956/57 e 1957/58 Real Madrid; 1958/59 e 1959/60 Barcellona; 1960/61, 1961/62, 1962/63, 1963/64 e 1964/65 Real Madrid; 1965/66 Atletico Madrid; 1966/67, 1967/68 e 1968/69 Real Madrid; 1969/70 Atletico Madrid; 1970/71 Valencia; 1971/72 Real Madrid; 1972/73 Atletico Madrid; 1973/74 Barcellona; 1974/75 e 1975/76 Real Madrid; 1976/77 Atletico Madrid; 1977/78, 1978/79 e 1979/80 Real Madrid; 1980/81 e 1981/82 Real Sociedad; 1982/83 e 1983/84 Athletic Bilbao; 1984/85 Barcellona; 1985/86, 1986/87, 1987/88, 1988/89 e 1989/90 Real Madrid; 1990/91, 1991/92, 1992/93 e 1993/94 Barcellona; 1994/95 Real Madrid; 1995/96 Atletico Madrid; 1996/97 Real Madrid; 1997/98 e 1998/99 Barcellona; 1999/2000 Deportivo La Coruna; 2000/01 Real Madrid; 2001/02 Valencia; 2002/03 Real Madrid; 2003/04 Valencia; 2004/05 e 2005/06 Barcellona; 2006/07 e 2007/08 Real Madrid; 2008/09, 2009/10 e 2010/11 Barcellona; 2011/12 Real Madrid; 2012/13 Barcellona; 2013/14 Atletico Madrid; 2014/15 e 2015/16 Barcellona

TIM: da domani il 4G è gratis per tutti

TIM ha deciso di ingranare la marcia rispetto alla concorrenza e da domani, domenica 15 maggio, offrirà gratis il servizio 4G (chiamato anche LTE, Internet veloce) ai clienti, ricaricabili e abbonamento, che usano ancora la connessione 3G. Il tutto, ovviamente, a patto di avere uno Smartphone provvisto di tecnologia LTE.
Da domani, quindi, ci si potrà recare su Tim.it ed attivare gratuitamente il 4G che, vi ricordo, ha una velocità di navigazione (teorica) di 300 Megabit al secondo. Sempre da domani, inoltre, si dovrebbe ricevere un Sms informativo affiancato da appositi spot TV.

I primi cinque numeri di "Zagor Collezione storica a colori"


Era il 16 febbraio 2012 e Repubblica e L'Espresso decisero di ristampare (a colori e con un formato più grande) gli albi dello Spirito con la scure. Ecco i primi cinque numeri di Zagor Collezione storica a colori.

- n. 1: Lo Spirito con la scure
Data di uscita: 16 febbraio 2012
Prezzo di copertina: 1 euro
In questo numero: La foresta degli agguati (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri); Il totem scomparso (soggetto, sceneggiatura e disegni di Gallieno Ferri); L'uomo volante (soggetto, sceneggiatura e disegni di Gallieno Ferri)
La prima avventura di Zagor, intitolata La foresta degli agguati, è realizzata dai creatori del personaggio: Guido Nolitta (nome d'arte di Sergio Bonelli) e Gallieno Ferri. Si parte con Cico, panciuto battelliere messicano, che ha un diverbio con James Regan, un criminale in combutta con i bellicosi indiani Delaware. I compagni di Cico vengono massacrati dai pellerossa, ma il messicano si salva grazie all'uomo di cui diventerà inseparabile amico: Zagor, il signore di Darkwood. Il breve episodio successivo, Il totem scomparso, scritto e disegnato da Ferri, vede Zagor e Cico risolvere il mistero del totem dei Piedi Neri: chiunque tenti di depredarlo dei diamanti che lo adornano rimane ucciso. Nella terza storia, L'uomo volante, ancora realizzata da Ferri, i Nostri sono impegnati a combattere Marcus, un ex acrobata dotato di eccezionali facoltà ipnotiche e in grado di volare grazie a speciali ali di tela. Marcus domina una città aerea abitata da una tribù di indiani pigmei, gli spettrali Uomini Pipistrello, responsabili della scomparsa di intere carovane di pionieri...

- n. 2: La valle proibita
Data di uscita: 23 febbraio 2012
Prezzo di copertina: 6,90 euro
In questo numero: L'oro del fiume (soggetto, sceneggiatura e disegni di Gallieno Ferri); La valle proibita (soggetto, sceneggiatura e disegni di Gallieno Ferri); Zagor contro Zagor (soggetto, sceneggiatura e disegni di Gallieno Ferri)
All'inizio di questo volume, completamente scritto e disegnato da Gallieno Ferri con la supervisione di Guido Nolitta, lo Spirito con la Scure sconfigge definitivamente Marcus, l'uomo volante. Nell'avventura successiva, Zagor e Cico risalgono in canoa un corso d'acqua, quando di fronte a loro si para un imponente battello fluviale, la Stella del Fiume. Mister Sparrow, che ne è il proprietario, la usa come bisca galleggiante. Nello scontro dei nostri eroi contro Sparrow, Cico dovrà affrontare in un match di boxe nientemeno che il temibile Arturo, canguro-pugile. Nel terzo episodio, Zagor promette al morente cercatore d'oro Boston Joe di rintracciare il nipote rapito molti anni prima dagli indiani Fox. Il Signore di Darkwood scoprirà, dopo mille peripezie, che si tratta di Cervo Fuggente, figlio del capo dei Fox Corvo Giallo, e che non sarà per niente facile riportarlo tra i bianchi. Nelle ultime pagine del volume, Zagor deve combattere contro un incredibile nemico: se stesso. Il forzuto manovale Olaf Botegosky è, infatti, il suo sosia perfetto!

- n. 3: Scontro nella foresta
Data di uscita: 1 marzo 2012
Prezzo di copertina: 6,90 euro
In questo numero: I due sosia (soggetto, sceneggiatura e disegni di Gallieno Ferri); L'impronta misteriosa (soggetto, sceneggiatura e disegni di Gallieno Ferri); La lancia spezzata (soggetto e sceneggiatura di Gianluigi Bonelli, disegni di Gallieno Ferri)
Si conclude all'inizio di questo volume l'episodio Zagor contro Zagor: Olaf Botegosky, sosia perfetto dello Spirito con la Scure, si sostituisce al nostro eroe e ruba le paghe delle guarnigioni. La situazione che si sviluppa, tra dramma e commedia, sembra senza uscita, ma è destinata a risolversi con un incredibile duello fra i due Zagor. Nell'avventura successiva, il Re di Darkwood deve scontrarsi con un feroce orso agli ordini dello stravagante zingaro Paulo Sarosi. Nella terza storia, Zagor e Cico affrontano mille peripezie per liberare i pellerossa costretti a lavorare come schiavi nella miniera di mister Gomez. Dopo questi episodi, scritti e disegnati da Gallieno Ferri, esordisce come sceneggiatore zagoriano il celebre creatore di Tex, Gianluigi Bonelli (mentre i disegni sono sempre di Ferri): Nakawa, un misterioso indiano abitualmente accompagnato da un corvo e da un lupo, è animato da un sentimento di vendetta nei confronti di Zagor. Per scatenarne l'ira, guida gli Uroni alla rivolta contro i bianchi e riesce addirittura a conquistare Forte Henry!

- n. 4: I predoni del Big River
Data di uscita: 8 marzo 2012
Prezzo di copertina: 6,90 euro
In questo numero: Il popolo della palude (soggetto e sceneggiatura di Gianluigi Bonelli, disegni di Gallieno Ferri); L'idolo Oneida (soggetto e sceneggiatura di Gianluigi Bonelli, disegni di Gallieno Ferri); I predoni del Big River (soggetto e sceneggiatura di Gianluigi Bonelli, disegni di Gallieno Ferri); I rinnegati (soggetto e sceneggiatura di Gianluigi Bonelli, disegni di Gallieno Ferri).
Questo è il primo volume di Zagor tutto scritto da Gianluigi Bonelli e disegnato, come sempre, da Gallieno Ferri. Dopo il drammatico scontro finale con il bellicoso Nakawa, nel nuovo episodio, Zagor, inoltratosi nel cuore di una impenetrabile zona paludosa, scopre una misteriosa città in pietra, fondata dal duca di Condé, fuggito dalla Francia. Qui il tempo si è fermato al XVII secolo, e i contrasti politici sono durissimi: Paul Kennebec lotta contro il dispotico duca, aiutato da Zagor e Cico. Nella storia seguente, lo Spirito con la Scure libera il suo amico messicano, catturato dagli Oneida, e punisce un malvagio cercatore d'oro che per avidità ha assassinato il suo stesso socio. Nella quarta avventura, Zagor deve intervenire contro alcuni predoni bianchi che infestano il Big River, rubano le pelli agli indiani Delaware di Zanna d'Orso e prendono in ostaggio suo figlio, Piccolo Piede. Il nostro eroe dovrà farsi in quattro per poter riportare il giovane pellerossa alla sua tribù. Infine, nel successivo I rinnegati, Zagor affronta un losco trafficante d'armi di nome Kendall...

- n. 5: Nel covo di Yaska
Data di uscita: 15 marzo 2012
Prezzo di copertina: 6,90 euro
In questo numero: Un tiro mancino (soggetto e sceneggiatura di Gianluigi Bonelli, disegni di Gallieno Ferri); La strega della palude nera (soggetto e sceneggiatura di Gianluigi Bonelli, disegni di Gallieno Ferri); Il piccolo popolo (soggetto e sceneggiatura di Gianluigi Bonelli, disegni di Gallieno Ferri); Uno strano "violinista" (soggetto e sceneggiatura di Guido Nolitta, disegni di Gallieno Ferri)
All'inizio di questo volume, tutto disegnato da Gallieno Ferri, Zagor chiude i conti con il losco trafficante d'armi Kendall, in un episodio scritto da Gianluigi Bonelli. Sono della coppia Bonelli/Ferri anche le avventure successive: nella prima, Zagor e Cico si trovano ad affrontare la terribile strega Yaska. La sua diabolica risata echeggia nella palude, seminando il terrore nella tribù indiana dei Corvi. Aiutata dal fido nano Orik, Yaska vuole sostituire il capo tribù Falco Nero con Lungo Coltello, ma dietro questo suo piano si cela un sorprendente segreto. Nella storia seguente, scopriamo che Orik, il fedele servitore di Yaska, apparteneva al Piccolo Popolo, una tribù di indiani pigmei. Credendo che Zagor abbia ucciso Orik, questi ultimi vogliono vendicarlo, ma lo Spirito con la Scure riesce a discolparsi e li aiuta contro la minaccia di orribili ragni giganti. Le ultime pagine del volume vedono il ritorno di Guido Nolitta alle sceneggiature: un micidiale killer, armato di un fucile di precisione, si appresta a colpire al cuore il Re di Darkwood!

[6-10] [Home Zagor]