mercoledì 15 febbraio 2017

[Recensione] Il cacciatore del buio

Il cacciatore del buio
di: Donato Carrisi

Formato: Kindle (dimensioni file: 1306 KB)
Pagine: 391
Editore: Longanesi (29 settembre 2014)
ASIN: B00M97VLAA
Data di acquisto: 15 dicembre 2015
Letto dal 10 al 15 febbraio 2017)

----- Sinossi -----
Non esistono indizi, ma segni. Non esistono crimini, solo anomalie. E ogni morte è l'inizio di un racconto. Questo è il romanzo di un uomo che non ha più niente (non ha identità, non ha memoria, non ha amore né odio) se non la propria rabbia... E un talento segreto. Perché Marcus è l'ultimo dei penitenzieri: è un prete che ha la capacità di scovare le anomalie e di intravedere i fili che intessono la trama di ogni omicidio. Ma questa trama rischia di essere impossibile da ricostruire, anche per lui. Questo è il romanzo di una donna che sta cercando di ricostruire se stessa. Anche Sandra lavora sulle scene del crimine, ma diversamente da Marcus non si deve nascondere, se non dietro l'obiettivo della sua macchina fotografica. Perché Sandra è una fotorilevatrice della polizia: il suo talento è fotografare il nulla, per renderlo visibile. Ma stavolta il nulla rischia di inghiottirla. Questo è il romanzo di una follia omicida che risponde a un disegno, terribile eppure seducente. E ogni volta che Marcus e Sandra pensano di aver afferrato un lembo della verità, scoprono uno scenario ancora più inquietante e minaccioso. Questo è il romanzo che leggerete combattendo la stessa lotta di Marcus, scontrandovi con gli stessi enigmi che attanagliano Sandra, vivendo delle stesse speranze e delle stesse paure fino all'ultima riga. E non dimenticherete più. Con Il cacciatore del buio Donato Carrisi consacra definitivamente la sua verve immaginativa e il suo stile, pietre miliari con le quali gli altri scrittori dovranno confrontarsi. Una trama piena di svolte inattese, una scrittura ricca di immagini ammalianti e scorrevole al punto da essere travolgente: Carrisi ormai è una vera e propria firma che ha lasciato il segno nelle classifiche e nei lettori, non soltanto in Italia ma in tutto il mondo.

----- La mia recensione -----
"Quando non si può dare un volto al mostro, chiunque gli somiglia. Ci si guarda l'un l'altro con sospetto, chiedendosi cosa si nasconda dietro l'apparenza, consapevoli di essere osservati con la stessa domanda nello sguardo."
Come per tutti i suoi precedenti lavori, anche questo libro di Donato Carrisi mi ha inchiodato alla lettura. Secondo romanzo della trilogia (almeno sino ad ora) incentrato sulle vicende di Marcus e Sandra; gli altri due sono: Il tribunale delle anime (del 2011) e Il maestro delle ombre, uscito lo scorso anno. Questo qui, datato 2014 (perciò, in ordine temporale si colloca in mezzo ai due che ho appena citato e che ho già letto), si lascia leggere con una certa facilità... primo perché è un thriller assolutamente ben costruito con un enigma da ricostruire per poter essere successivamente risolto (e io, scusate la modestia, ci sono riuscito già a metà romanzo), secondo perché ti fa fare una full immersion nei segreti della città di Roma e del Vaticano.
La trama, che qui evito di riassumere perché c'è il rischio di fare spoiler, parte come un horror e, strada facendo, si infittisce e si ingarbuglia tra eventi passati, misteri da nascondere e, ovviamente, riferimenti al libro precedente. E sarò sincero: quello che io trovo essere un grosso limite del libro (che comunque resta spettacolare) è che gli spunti e i fatti narrati si succedono ad un ritmo talmente elevato che, ogni tanto, mi è toccato tornare indietro di una ventina di pagine perché avevo il timore che mi stesse sfuggendo qualcosa...!
Vito: (4 su 5)

Clicca qui e scarica le mie note e le parti che ho sottolineato

----------
Tutti i libri di donato Carrisi che ho letto e recensito:
- Il maestro delle ombre (20 dicembre 2016)
- L'ipotesi del male (27 agosto 2016)
- La ragazza nella nebbia (11 gennaio 2016)
- Il tribunale delle anime (27 ottobre 2014)
- La donna dei fiori di carta (9 luglio 2014)

Nessun commento:

Posta un commento