lunedì 31 luglio 2017

I giorni dell'eternità - The century trilogy, vol. 3

I giorni dell'eternità - The century trilogy, vol. 3
di: Ken Follett

Formato: copertina rigida
Pagine: 1220 pagine
Editore: Mondadori (16 settembre 2014)
ISBN-13: 978-8804643609
Data di acquisto: 5 luglio 2017
Letto dal 21 al 31 luglio 2017

----- Sinossi -----
I giorni dell'eternità è l'appassionante conclusione dell'epica trilogia The Century, dedicata al Novecento, nella quale Ken Follett segue il destino di cinque famiglie legate tra loro: una americana, una tedesca, una russa, una inglese e una gallese. Dai palazzi del potere alle case della gente comune, le storie dei protagonisti si snodano e si intrecciano nel periodo che va dai primi anni Sessanta fino alla caduta del Muro di Berlino, passando attraverso eventi sociali, politici ed economici tra i più drammatici e significativi del cosiddetto "Secolo breve": le lotte per i diritti civili in America, la crisi dei missili di Cuba, la Guerra fredda, le prime sfide per la conquista dello spazio come simbolo di superiorità tra le due superpotenze, gli omicidi dei fratelli Kennedy e di Martin Luther King, il Vietnam, lo scandalo del Watergate, ma anche i Beatles e la nascita del rock'n'roll. Quando Rebecca Hoffmann, insegnante della Germania Est, scopre di essere stata spiata per anni dalla Stasi prende una decisione che avrà pesanti conseguenze sulla sua famiglia. In America, George Jakes, figlio di una coppia mista, rinuncia a una promettente carriera legale per entrare al dipartimento di Giustizia di Robert Kennedy e partecipa alla dura battaglia contro la segregazione razziale. Cameron Dewar, nipote di un senatore del Congresso, non si lascia scappare l'occasione di fare spionaggio per una causa in cui crede fermamente, ma solo per scoprire che il mondo è molto più pericoloso di quanto pensi. Dimka Dvorkin, giovane assistente di Nikita Chruščëv, diventa un personaggio di spicco proprio mentre Stati Uniti e Unione Sovietica si ritrovano sull'orlo di una crisi che sembra senza via d'uscita. I giorni dell'eternità è l'affascinante racconto di un'epoca ricca di svolte la cui eco si fa ancora sentire ai giorni nostri, gli anni della contestazione e dei grandi movimenti di massa, anni in cui la lotta per la supremazia tra blocco sovietico e blocco occidentale, con il pericolo ricorrente di un conflitto nucleare apocalittico, ha influenzato la vita di milioni di persone. Con il tocco di un vero maestro, Ken Follett ci porta in un mondo che pensavamo di conoscere, ma che ora non ci sembrerà più lo stesso.

----- La mia recensione -----
"Se vuoi il cambiamento ti devi impegnare politicamente per ottenerlo".
Ottima conclusione di un'ottima trilogia in cui, tra l'altro, si chiudono alcuni interrogativi (uno su tutti: il destino dei due fratelli Peskov) lasciati irrisolti durante il primo volume. Questa volta si affronta tutto il periodo della Guerra Fredda, che va dalla costruzione del Muro sino alla sua caduta... passando per tanti altri fatti storici, tra cui le lotte contro la segregazione in America, gli assassini dei Kennedy e di Martin Luther King, la Primavera di Praga e le conseguenti prime crepe nel blocco comunista, le dimissioni di Nixon, la nascita di Solidarność in Polonia e l'avvento di Gorbačëv in Russia.
Libro abbastanza lungo (stiamo parlando di qualcosa come 1.220 pagine) ma dalla lettura agevole... merito di un linguaggio chiaro e di capitoli brevi ma intensi. Inoltre, bisogna dare atto a Follett che, per spezzettare il flusso degli eventi storici presenti nel libro, ogni tanto (spesso, in verità) ha piazzato storie di amore e tradimenti tra i componenti delle tre generazioni delle cinque famiglie protagonisti dell'intera trilogia. Infine, come non apprezzare il brevissimo epilogo finale, con l'elezione alla Casa Bianca del "nero" Barack Obama?
- Voto: (5 su 5)

----------
Gli altri libri di Ken Follett che ho letto e recensito:
- 6 agosto 2016: L'inverno del mondo - The century trilogy, vol. 2
- 15 settembre 2015: La caduta dei giganti - The century trilogy, vol. 1
- 20 febbraio 2017: Un luogo chiamato libertà
- 25 agosto 2015: La cruna dell'ago
- 11 giugno 2015: Il terzo gemello
Già comprati ma ancora da leggere: I pilastri della terra, Mondo senza fine, Le gazze ladre, Il martello dell'Eden, Alta finanza.

domenica 30 luglio 2017

National Geographic Italia: i numeri di luglio ed agosto 2000

----- Luglio 2000 -----
- Mappa in allegato: Australia sotto assedio (lato A) e cartina fisico/politica dell'Australia
- Grandi reportage (1921): Nel cuore dell'Indostan. Dal leggendario passo del Khyber, sulla frontiera con l'Afghanistan, fino alla popolosa e cosmopolita Calcutta, sul delta del Gange, una lunga arteria si snoda per più di 2.400 chilometri attraverso la regione dell'Indostan. Nel novembre del 1921, Maynard O. Williams narrava ai lettori di National Geographic le impressioni e le emozioni provate nel viaggio attraverso la colonia britannica di allora.
- Australia, un brusco risveglio. I primi coloni europei modificarono il paesaggio del continente per farlo assomigliare alla loro terra d'origine. Oggi, l'Australia paga gli errori del passato e il selvaggio sfruttamento del territorio con una lunga serie di problemi ambientali: dai campi di sale sempre più estesi alla graduale scomparsa di molte specie.
L'ira degli dei - Quella notte a Istanbul - Una storia scritta col fuoco. Lo scorso anno, due violenti terremoti hanno devastato la Turchia, uccidendo migliaia di persone e lasciandone molte di più senza tetto. Le forze tettoniche che da millenni mettono in subbuglio questa regione hanno alimentato il mito di Poseidone e le leggende di Troia, e potrebbero spiegare perché Noè costruì l'Arca.
- Paradiso Samoa. In un eden tropicale nel Pacifico nasce il Parco nazionale delle Samoa Americane. Fra i suoi obiettivi, la salvaguardia delle foreste pluviali e delle barriere coralline, nonché della cultura tradizionale samoana delle isole.
- Uomini come noi. In che periodo l'uomo iniziò a esprimersi con l'arte, a celebrare riti, e a mettere a punto strategie di caccia? Homo sapiens spiccò il "balzo" verso la modernità 40mila anni fa; ora, però, gli antropologi ritengono che quel passaggio evolutivo sia avvenuto migliaia di anni prima di quanto si pensasse.
- Col cuore in gola. Gli slot canyons lungo il confine tra Utah e Arizona sono un paradiso per gli escursionisti. Ma quando vengono invase dalle acque, queste gole di arenaria possono trasformarsi in un inferno.

----- Agosto -----
- Mappa in allegato: L'Olympic Park di Sydney (lato A) e cartina della città e delle strutture olimpiche (lato B)
- Sydney. Mentre gli occhi del mondo sono puntati sui Giochi Olimpici, Sydney, la città ospite, concorre per l'oro nelle seguenti categorie: attenzione per l'ambiente, capacità di rinnovarsi e voglia di godersi la vita.
- Il popolo del cielo. Gli Zulu, il più numeroso gruppo etnico del Sudafrica, cercano il riscatto dalle ferite inflitte dall'apartheid e dai sanguinosi conflitti che li hanno divisi riscoprendo le antiche tradizioni.
- I mostri del Madagascar. Il nostro pianeta, 80 milioni di anni fa, forse era diverso da come lo abbiamo immaginato finora. Lo rivelano alcuni straordinari fossili di animali mesozoici trovati sull'isola rossa.
- Funghi. Spazzini della natura, questi onnipresenti organismi creano e distruggono la vita, annidandosi su piante, animali, e persino su di noi.
- La flotta di Phips. Nel 1690, di ritorno dal fallito attacco contro la Nouvelle France, Sir William Phips perse almeno una delle sue navi nelle acque del San Lorenzo. Tre secoli dopo, il ritrovamento del relitto getta nuova luce sulla vita quotidiana nelle colonie americane.
- La guerra di Angkor. Sui sacri templi della Cambogia incombe la minaccia dei saccheggiatori. Rischiano così di scomparire per sempre le ultime vestigia dell'antico Impero Khmer.
- Big Sur. Lungo la costa californiana, un angolo di paradiso per spiriti liberi dove impera una natura di selvaggia bellezza.

La classifica dei libri più venduti (nella settimana dal 9 al 15 luglio 2017)

Questi i libri più venduti nella settimana dal 9 al 15 luglio:

1. (=) Paolo Cognetti: Le otto montagne (Einaudi)
2. (=) Andrea Camilleri: La rete di protezione (Sellerio Editore)
3. (=) Maurizio de Giovanni: Rondini d'inverno (Einaudi)
4. (=) Nicholas Sparks: La vita in due (Sperling & Kupfer)
5. (=) Matteo Renzi: Avanti (Feltrinelli)
6. (=) Camilla Läckberg: La strega (Marsilio)
7. (=) Marcello Simoni: L'eredità dell'abate nero (Newton Compton)
8. (=) Francesca Cavallo ed Elena Favilli: Storie della buonanotte per bambine ribelli. 100 vite di donne straordinarie (Mondadori)
9. (=) Carlo Rovelli: L'ordine del tempo (Adelphi)
10. (=) John Grisham: Il caso Fitzgerald (Mondadori)

[settimana precedente]

giovedì 27 luglio 2017

Serie A 2017/18: il calendario dell'Inter

Ieri pomeriggio è stato sorteggiato il calendario del prossimo campionato di Serie A. Partenza dura per l'Inter: nella prima giornata giocheremo in casa con la Fiorentina (Borja Valelero e Vecino, quindi, affronteranno subito il loro recente passato); alla seconda scontro diretto all'Olimpico... anche questa volta, ecco Spalletti contro la sua ex squadra.
La Juve campione d'Italia apre sabato 19 agosto con il Cagliari. Napoli a Verona, il rinnovato Milan a Crotone. I derby: Juve-Torino alla 6a giornata, Inter-Milan all'8a (nella stessa giornata ci saranno anche Roma-Napoli e Juve-Lazio), Chievo-Verona alla 9a, Genoa-Sampdoria alla 12a e Roma-Lazio alla 13a (insieme a Napoli-Milan). Così gli altri big-match: Milan-Juve all'11a, Napoli-Juve alla 15a e Juve-Inter alla 16a, Juve-Roma alla 18a (23 dicembre, sabato prenatalizio), Fiorentina-Milan e Inter-Lazio alla 19a... ultima di andata e ultima dell'anno.
Entrando più nel dettaglio, questa la prima giornata:
- Sabato 19 agosto: ore 18 JUVENTUS-CAGLIARI e ore 20.45 H. VERONA-NAPOLI
- Domenica 20 agosto: ore 18 ATALANTA-ROMA;  ore 20.45 BOLOGNA-TORINO, INTER-FIORENTINA, LAZIO-SPAL, SAMPDORIA-BENEVENTO, SASSUOLO-GENOA ed UDINESE-CHIEVO
- Lunedì 21 agosto: ore 20.45 CROTONE-MILAN

Questo il calendario dell'Inter:
- 1a giornata (andata 20.08.17 - ritorno 06.01.18): INTER-Fiorentina
- 2a giornata (andata 26.08.17 - ritorno 21.01.18): Roma-INTER
- 3a giornata (andata 10.09.17 - ritorno 28.01.18): INTER-Spal
- 4a giornata (andata 17.09.17 - ritorno 04.02.18): Crotone-INTER
- 5a giornata (andata 20.09.17 - ritorno 11.02.18): Bologna-INTER
- 6a giornata (andata 24.09.17 - ritorno 18.02.18): INTER-Genoa
- 7a giornata (andata 01.10.17 - ritorno 25.02.18): Benevento-INTER
- 8a giornata (andata 15.10.17 - ritorno 04.03.18): INTER-Milan
- 9a giornata (andata 22.10.17 - ritorno 11.03.18): Napoli-INTER
- 10a giornata (andata 25.10.17 - ritorno 18.03.18): INTER-Sampdoria
- 11a giornata (andata 29.10.17 - ritorno 31.03.18): H. Verona-INTER
- 12a giornata (andata 05.11.17 - ritorno 08.04.18): INTER-Torino
- 13a giornata (andata 19.11.17 - ritorno 15.04.18): INTER-Atalanta
- 14a giornata (andata 26.11.17 - ritorno 18.04.18): Cagliari-INTER
- 15a giornata (andata 03.12.17 - ritorno 22.04.18): INTER-Chievo V.
- 16a giornata (andata 10.12.17 - ritorno 29.04.18): Juventus-INTER
- 17a giornata (andata 17.12.17 - ritorno 06.05.18): INTER-Udinese
- 18a giornata (andata 23.12.17 - ritorno 13.05.18): Sassuolo-INTER
- 19a giornata (andata 30.12.17 - ritorno 20.05.18): INTER-Lazio

mercoledì 26 luglio 2017

Inchiostro Pelikan Edelstein Sapphire [Recensione]


Ecco l'ennesimo inchiostro per stilografiche che, già da qualche giorno, si è aggiunto alla mia ampia collezione. È il Pelikan Edelstein Sapphire... una piacevole tonalità di blu zaffiro con sfumature violette.
Pelikan, forse per staccarsi un po' dalla solita (ma storica ed economica) serie "Pelikan 4001" ha messo in commercio una nuova serie "deluxe" chiamata, appunto, Edelstein ("pietra preziosa" in tedesco). Questa nuova serie, comprende tante nuove tonalità di colore: Onyx (nero), Sapphire (blu zaffiro), Mandarin (arancio), Aventurine (verde), Jade (verde chiaro), Tanzanite (blu nero), Topaz (blu turchese), Ruby (rosso), Aquamarine (verde acqua) ed altre che, per la felicità dei collezionisti, sono in "Limited edition" e prodotte solo per un certo limite di tempo. Comunque (limitandoci ai soli inchiostri Edelstein "non in L.E."), eccovi nella foto qui sotto le tonalità di colore disponibili:


Per l'uso a cui è destinato il mio inchiostro (note ed appunti personali e per firme su documenti, fatture ed assegni), ho scelto di prendere il Sapphire: una boccetta da 50 ml è costata 15,50 euro ed una confezione di sei cartucce (lunghe e con attacco standard) 5,50 euro.
Ma andiamo con ordine e partiamo proprio dall'inchiostro in cartucce.


Questa confezione ha la forma di una piccola scatoletta di latta con, al suo interno, 6 cartucce lunghe (ognuna da 7 cm e contenente circa 1,4 ml di inchiostro) con attacco standard che, perciò, potranno essere montate su gran parte delle penne stilografiche... ma non sulle mie Kaweco e Lamy!
Tutt'altro discorso per la boccetta. Infatti, una volta estratta dallo scatolino di cartone (che contiene anche due robusti supporti di polistirolo per assorbire eventuali cadute o urti accidentali), sembra di avere tra le mani una boccetta di profumo! La parte frontale dello scatolino ha un angolo leggermente piegato e colorato con il colore dell'inchiostro contenuto al suo interno. Come ho detto prima, la boccetta in vetro (ma con facce concave) contiene ben 50 ml di inchiostro. Il tappo è a vite e tiene molto bene, l'apertura della boccetta è abbastanza ampio e, quindi, permette di inserire anche le stilografiche più grosse.


Veniamo ora all'inchiostro vero e proprio. Il Pelikan Edelstein Sapphire ha una spettacolare tonalità blu zaffiro... ossia, un blu tendente al violetto. In fase di scrittura scorre che è un piacere (il flusso è sempre costante) e non ha evidenziato passaggi sull'altro lato della carta (Bleed Through) o ingrossamento del tratto scritto (Feathering), neanche su carta scadente! Ottimo anche il tempo di asciugatura: massimo 5-6 secondi e puoi già passarci un dito sopra.


Ho fatto anche una prova di resistenza all'acqua. Dopo aver scarabocchiato un foglio, ho passato sopra di esso un batuffolo di cotton fioc imbevuto di acqua: non ho notato grossi danni e, comunque, tutto ciò che avevo scritto con questo inchiostro era ancora perfettamente leggibile.
Inchiostro, quindi, promosso a pieni voti... o quasi. Infatti, ho trovato questo inchiostro un po' troppo simile al Diamine Sapphire Blue, per cui visto che la boccetta (in vetro da 50 ml) della Pelikan costa 15,50 e quella della Diamine (in plastica da 30 ml) costa appena appena 4 euro... per un fatto prettamente economico continuerò a comprare (ed usare) quest'ultima!
Per finire, eccovi la mia solita prova di scrittura: questa volta, per provare il Pelikan Edelstein Sapphire, ho scritto (su foglio quadrettato A5 della Pigna e penna stilografica Lamy Al Star Ocean Blue) l'incipt del libro Il Silmarillion di J.R.R. Tolkien:


----- Altre recensioni -----
- 20/07/2017: Penna stilografica Kaweco Ice Sport
- 22/06/2017: Penna stilografica Lamy Al Star "Ocean Blue"
- 04/05/2017: Penna roller Lamy Al Star "Pacific Blue"
- 27/04/2017: Penna a gel Pilot G-2 0.7
- 19/04/2017: Penna stilografica Kaweco Skyline Sport Classic e inchiostro Kaweco Royal Blue
- 06/04/2017: Penna roller Lamy Tipo Al K
- 01/04/2017: Penna a gel Pilot G-1 0,7
- 20/03/2017: Taccuini/Quaderni "Field Notes"
- 16/03/2017: Inchiostro Parker Quink Blue-Black
- 21/02/2017: Penna stilografica Kaweco Al Sport
- 01/02/2017: Inchiostro Diamine Sapphire Blue
- 20/11/2016: Penna stilografica Lamy Logo
- 28/09/2016: Penna stilografica Jinhao 250
- 16/09/2016: Inchiostro Diamine Presidential Blue
- 09/09/2016: Inchiostro Pelikan 4001 blu-nero
- 07/09/2016: Inchiostri Lamy blu-nero, blu e rosso
- 29/08/2016: Inchiostri Pelikan 4001 nero, blu e rosso
- 26/08/2016: Penna stilografica Kaweco Sport Classic
- 10/08/2016: Penna stilografica Jinhao 886
- 20/07/2016: Penna stilografica Jinhao X750
- 08/07/2016: Penna stilografica Schneider Voyage
- 05/07/2016: Penna stilografica Pilot V Pen
- 13/06/2016: Penna stilografica Hero 616
- 10/06/2016: Penna stilografica Pelikan Twist
- 27/05/2016: Penna stilografica Lamy Safari

lunedì 24 luglio 2017

Parte oggi #7GiorniEbook, la promozione dell’estate per i lettori


Da oggi e sino al 30 luglio ecco #7GiorniEbook, una settimana promozionale dedicata agli ebook: ogni giorno sono offerti in promozione centinaia di titoli di ogni genere, dal thriller alla letteratura d'autore, dal giallo alla non fiction. Tutti i titoli costeranno da 0,99 a 2,99 euro.
La promozione sarà attiva su tutti gli store e così strutturata:
- Oggi: thriller, gialli e noir
- 25 luglio: romanzi femminili, romance ed erotico
- 26 luglio: letteratura d'autore
- 27 luglio: grandi misteri del giallo italiano
- 28 luglio: saggistica e i manuali di self help
- 29 luglio: romanzi d'avventura guidano nei luoghi esotici e dell'immaginazione
- 30 luglio: il meglio di tutti i generi è in offerta.
Segui l'offerta su Amazon/GiuntialPunto, Kobo, Ibs, iBook e Bookrepublic.

domenica 23 luglio 2017

National Geographic Italia: i numeri di maggio e giugno 2000

----- Maggio 2000 -----
- Vichinghi. Pirati e avventurieri, ma anche commercianti e artigiani, nell'VIII secolo i Vichinghi esportarono il loro stile di vita libero e spregiudicato fino al Golfo di San Lorenzo e al Mare d'Aral.
- Il mistero delle navi danesi. La scoperta di antiche e slanciate imbarcazioni aiuta gli archeologi a conoscere un popolo scandinavo che depredava le città costiere 450 anni prima dei Vichinghi.
- Silver Queen, regina del cielo d'Africa. Nel 1920 Pierre van Ryneveld e Quintin Brand, due pionieri del volo portano, a termine la prima traversata dall'Inghilterra al Sudafrica. Oggi, la temeraria impresa viene ripetuta da moderni avventurieri.
- Nuova Caledonia. Viaggio in un arcipelago del Pacifico che non ha uguali al mondo per ricchezza di specie vegetali.
- L'alba dell'uomo. Sulle colline vicino a Johannesburg, il geologo sudafricano André Keyser scopre, quasi per caso, uno dei siti africani più ricchi di fossili di ominidi: Drimolen.
- Piante e formiche: una casa sull'albero. In cambio di vitto e alloggio, le formiche proteggono alcuni alberi da nemici e parassiti.
- Il faro di Capo Hatteras. Spostato di un chilometro per sfuggire all'avanzata dell'Atlantico, un faro storico torna in vita.
- Monte St. Helens. A vent'anni dall'eruzione che ha spazzato via 600 km² di foreste, gli alci e gli abeti tornano a popolare una zona devastata.

----- Giugno 2000 -----
- Mappa in allegato: Guida al viaggio in Gran Bretagna e Irlanda (lato A) e Grand tour a Londra (lato B)
- Londra al top. Non è più una vecchia signora aristocratica e un po' ammuffita. Oggi Londra ha ritrovato il suo sprint, grazie a dosi massicce di cultura d'avanguardia e alla nuova vitalità degli affari, proponendosi ancora una volta come riferimento mondiale per tutto ciò che fa tendenza.
- Il debutto di Sue. Per la gioia dei visitatori, il più grande Tyrannosaurus rex mai ritrovato si mostra finalmente in tutta la sua imponente mole nelle sale del Museo Field di Chicago.
- Suriname. I segreti delle piante officinali (e l'antica sapienza degli sciamani) offriranno forse nuove prospettive all'economia di questa giovane nazione e riusciranno a salvare la foresta pluviale dell'America del Sud.
- Sierra Madre. Il giornalista Paul Salopek insegue il suo passato sulle orme di Carl Lumholtz, un enigmatico esploratore norvegese dell'800. Un viaggio di 2.000 chilometri a dorso di mulo lungo i sentieri degli indiani del Messico.
- Perle di gelatina. Sono il terrore dei bagnanti, ma anche abili e intelligenti predatori. Un tuffo nell'affascinante mondo delle meduse.
- Le alture del Golan. Dal 1948, questo fazzoletto di terra che si affaccia sul Giordano è stato il pomo della discordia fra Siria e Israele. Ma oggi, forse, è la chiave per aprire finalmente le porte della pace.
- La civiltà dell'Indo. Ad Harappa, lungo le sponde dell'Indo in Pakistan e nell'India nordoccidentale, tornano alla luce i resti di una cultura scomparsa da secoli e i segni di un antico e oscuro sistema di scrittura.

La classifica dei libri più venduti (nella settimana dal 2 all'8 luglio 2017)

Questi i libri più venduti nella settimana dal 2 all'8 luglio:

1. Paolo Cognetti: Le otto montagne (Einaudi)
2. Andrea Camilleri: La rete di protezione (Sellerio Editore)
3. Maurizio de Giovanni: Rondini d'inverno (Einaudi)
4. Nicholas Sparks: La vita in due (Sperling & Kupfer)
5. Matteo Renzi: Avanti (Feltrinelli)
6. Camilla Läckberg: La strega (Marsilio)
7. Marcello Simoni: L'eredità dell'abate nero (Newton Compton)
8. Francesca Cavallo ed Elena Favilli: Storie della buonanotte per bambine ribelli. 100 vite di donne straordinarie (Mondadori)
9. Carlo Rovelli: L'ordine del tempo (Adelphi)
10. John Grisham: Il caso Fitzgerald (Mondadori)

[settimana precedente]

venerdì 21 luglio 2017

[Recensione] La donna della cabina numero 10

La donna della cabina numero 10
di: Ruth Ware

Formato: Kindle
Dimensioni file: 1464 KB
Pagine: 317
Editore: Corbaccio (13 ottobre 2016)
ASIN: B01LXV34S0
Data di acquisto: 6 luglio 2017
Letto dal 18 al 21 luglio 2017

----- Sinossi -----
Come puoi fermare un assassino se nessuno crede che esista? Doveva essere la crociera perfetta. Le luci del grande Nord su una nave di lusso, l'Aurora Borealis, in compagnia di pochi e selezionatissimi ospiti. Un'ottima opportunità professionale per la giornalista Lo Blackwood, incaricata di sostituire il suo capo e ben felice di trovare sollievo dallo choc provocato da un tentativo di furto subito nella sua casa di Londra. Ma la crociera si trasforma ben presto in un incubo atroce... Durante la prima notte di viaggio, Lo assiste a quello che ha tutta l'aria di essere un omicidio, proprio nella cabina accanto alla sua, la numero 10. Non solo nessuno le crede, ma la ragazza che dice di aver incontrato nella stessa cabina sembra non essere mai esistita: non è a bordo, nessuno la conosce, e le tracce lasciate dalla sua misteriosa presenza svaniscono una dopo l'altra. Bloccata sulla nave e sempre più isolata nella sua ricerca, Lo cade in preda al terrore. Sta forse impazzendo? Oppure è intrappolata in mezzo all'oceano, unica testimone di un delitto e in balia di uno spietato assassino? Inquietante, coinvolgente, claustrofobico, La donna della cabina numero 10 conferma la nascita di una nuova autrice di grande talento nel panorama del thriller internazionale.

----- La mia recensione -----
"Tutti abbiamo dei demoni dentro di noi, voci che ci sussurrano che non valiamo niente, che se non otteniamo quella promozione o non superiamo brillantemente quell'altro esame riveleremo al mondo che razza di esseri inutili siamo in realtà. Magari è vero. Forse è solo che i miei demoni parlano a voce più alta".
Dopo l'ottimo L'invito da Ruth Ware ci si aspettava qualcosa di più... ma, purtroppo, la mia attesa è stata vana! Questa volta siamo in presenza di una storia piatta che, per giunta, è ammantata da una sorta di "già visto" (con argomenti ampiamente sfruttato da film e libri a non finire): si parte dalla testimone oculare di qualcosa che solo lei ha visto e si finisce nell'immancabile "gioco delle parti" e sul "chi è chi". Il tutto, in presenza di un personaggio principale che non ha mai trovato il mio favore: infatti, ho trovato Lo Blackwood davvero scontrosa, irritabile ed alquanto antipatica. L'epilogo finale, come se tutto ciò non bastasse, è intuibile già verso la metà del libro.
Comunque, non boccio del tutto il libro perché, a conti fatti, l'idea che sta alla base della trama è ottima (la protagonista, mentre è in crociera su una nave isolata da ogni comunicazione con l'esterno, assiste ad un delitto ma non ci sono né cadavere e né segni evidenti di ciò che è avvenuto) ma, purtroppo, l'autrice non è stata in grado di sfruttarla a dovere. Da segnalare, inoltre, che sul Kindle ho riscontrato alcuni refusi.
- Voto: (3 su 5)

Clicca qui e scarica le mie note e le parti che ho sottolineato

giovedì 20 luglio 2017

Kaweco Ice Sport [recensione]


Della Kaweco, nota azienda tedesca produttrice di strumenti di scrittura (penne, matite, taccuini e materiale vario), ho già in mio possesso le bellissime stilografiche Kaweco Sport Classic e Kaweco Skyline Sport Classic e la spettacolare Kaweco Al Sport. Mancava giusto giusto la Kaweco Ice Sport... e visto che avevo necessità di una penna caricata con inchiostro rosso, perché non approfittarne?


Principale caratteristica della Kaweco Ice Sport (che ho pagato 18 euro su eBay), e delle altre penne che ho prima citato, è la sua "trasportabilità": è una penna davvero piccola (anche troppo... ma tutto dipende dalla mano che la deve impugnare); infatti, da chiusa misura 10,5 cm, da aperta 13,5 cm con il cappuccio calzato nella parte posteriore e 10 cm senza cappuccio. Come potete vedere dalle foto di questo post, si tratta di una penna completamente in plastica ABS trasparente, con il cappuccio e il gruppo pennino di colore rosso (ma sempre trasparente). Se siete interessati, esistono anche i modelli di colore blu, verde, giallo, arancione, rosa e completamente trasparente (detto anche Demonstrator).


Piccola penna vuol dire anche piccola confezione di acquisto. La Kaweco Ice Sport era semplicemente contenuta in una bustina di plastica all'interno di un minuscolo cartoncino con la dicitura "Kaweco". Cosa si pretende per una penna che costa meno di 20 euro?


Il cappuccio, lungo 7 cm, è a vite ed ha una sezione ottagonale... che, tra l'altro, impedisce alla penna di rotolare via dal tavolo. In alto ha impresso il logo della Kaweco. L'unico neo del cappuccio è la mancanza della clip per riporre la penna del taschino... che, perciò, dovremo comprare a parte: io ne ho presa una dello stesso colore del pennino (cromato) pagandola 8,95 euro.


Il pennino è in acciaio ed ha misura M (medio), ma si trovano anche quelli con misure EF, F, B e BB. È abbastanza rigido, ma a me la cosa non dispiace più di tanto.


La Kaweco Ice Sport monta le cartucce ad attacco standard (come le comunissime Pelikan 4001). Tuttavia, come è facilmente intuibile, le dimensioni "lillipuziane" di questa penna sono anche il suo grosso limite: infatti, è possibile montare una sola cartuccia e non una di riserva. Quindi, quando andiamo in giro, dovremo anche portarci appresso un paio di cartucce extra.


Nelle mie primissime prove di scrittura, la stilografica si è comportata molto bene: il flusso è sempre stato corretto e senza nessun (o quasi) tentennamento o salti di scrittura.


----------
Tutte le altre mie recensioni di penne, inchiostri e strumenti di scrittura:
- 22/06/2017: Penna stilografica Lamy Al Star
- 04/05/2017: Penna roller Lamy Al Star "Pacific Blue"
- 27/04/2017: Penna a gel Pilot G-2 0.7
- 19/04/2017: Penna stilografica Kaweco Skyline Sport Classic e inchiostro Kaweco Royal Blue
- 06/04/2017: Penna roller Lamy Tipo Al K
- 01/04/2017: Penna a gel Pilot G-1 0,7
- 20/03/2017: Taccuini/Quaderni "Field Notes"
- 16/03/2017: Inchiostro Parker Quink Blue-Black
- 21/02/2017: Penna stilografica Kaweco Al Sport
- 01/02/2017: Inchiostro Diamine Sapphire Blue
- 20/11/2016: Penna stilografica Lamy Logo
- 28/09/2016: Penna stilografica Jinhao 250
- 16/09/2016: Inchiostro Diamine Presidential Blue
- 09/09/2016: Inchiostro Pelikan 4001 blu-nero
- 07/09/2016: Inchiostri Lamy blu-nero, blu e rosso
- 29/08/2016: Inchiostri Pelikan 4001 nero, blu e rosso
- 26/08/2016: Penna stilografica Kaweco Sport Classic
- 10/08/2016: Penna stilografica Jinhao 886
- 20/07/2016: Penna stilografica Jinhao X750
- 08/07/2016: Penna stilografica Schneider Voyage
- 05/07/2016: Penna stilografica Pilot V Pen
- 13/06/2016: Penna stilografica Hero 616
- 10/06/2016: Penna stilografica Pelikan Twist
- 27/05/2016: Penna stilografica Lamy Safari

martedì 18 luglio 2017

[Recensione] La generazione del ficodindia


La generazione del ficodindia
di: Francesco Castorina

Formato: cartonato
Pagine: 190
Editore: edito in proprio (giugno 2012)
Prezzo: -
Data di acquisto: - [regalato dall'autore]
Letto dal 9 al 18 luglio 2017

----- Sinossi -----
"Erano di pietra celeste, tutti fichidindia, e quando si incontrava anima viva era un ragazzo che andava o tornava, lungo la linea, per cogliere i frutti coronati di spine che crescevano, corallo, sulla pietra (Elio Vittorini, Conversazione in Sicilia)

----- La mia recensione -----
"Ci sono momenti di felicità ma non c'è una condizione di felicità continua. Il fatto forse è che anche se non vogliamo ammetterlo temiamo il futuro. Come sarà il futuro? Cosa ci riserberà? Quando c'era la guerra io mi chiedevo sempre come sarebbe stato dopo. Mi chiedevo se il mondo sarebbe tornato ad essere quello di sempre e sognavo, desiderandole, quelle sere intorno al fuoco, che prima mi erano sempre sembrate noiose, quelle sere fatte di chiacchiere inutili e gesti sempre uguali, tanto uguali da divenire rassicuranti. E aspettando che finisse la guerra giuravo di essere sempre più buona, di non fare del male a nessuno, di essere sempre disponibile con gli altri. Poi la guerra è finita e quando avremmo dovuto stare tutti insieme per condividere i nostri dolori, ci siamo presto dimenticati di tutto, abbiamo attinto di nuovo a piene mani dalle fonte della superbia e dell'alterigia. Abbiamo allontanato di nuovo gli altri da noi".
Libro bellissimo in cui si "respira" un'aria di tempi andati (e di un certo modo di pensare e di comportarsi)... tempi che, purtroppo, non torneranno mai più! Nella storia, ottimamente "messa in scena" da Francesco Castorina, troviamo tutte le usanze tipiche della Sicilia e del Meridione post bellico... e, a distanza di oltre cinquant'anni, molte di quelle usanze (tra cui l'immancabile "pettegolezzo" da paese) sono ancora ben radicate.
La storia narrata in "La generazione del ficodindia" è davvero spettacolare... ed è bellissimo il fatto che, pur essendo frutto della fantasia dell'autore, riesce magistralmente ad intrecciarsi con alcuni episodi realmente accaduti. Da segnalare anche l'ottima descrizione del paesaggio siciliano e la perfetta caratterizzazione dei personaggi (sia principali che di contorno).
Unico neo, che comunque non sminuisce il lavoro di Francesco Castorina, è dato dal font usato per stampare il libro: infatti, ci troveremo a fare i conti con un carattere troppo piccolo; certo, non è proprio impossibile da leggere, ma si fa un po' di fatica a stare dietro alle parole.
In conclusione , questo è un libro che, a mio modesto parere, meriterebbe senz'altro di essere pubblicato da un grande editore... ed io mi auguro (e lo auguro all'autore) che ciò possa avvenire!
- voto: (5 su 5)

lunedì 17 luglio 2017

Freschi freschi di consegna


- Otto Friedrich: Auschwitz. Storia del lager 1940/1945
Formato: copertina flessibile
Pagine: 168
Editore: Dalai Editore (29 gennaio 2008)
ISBN-13: 978-8860732170
Sinossi: Il resoconto della costruzione, dell'espansione e della vita del più tristemente celebre campo di sterminio. L'autore raccoglie e organizza le testimonianze dei sopravvissuti e dei carnefici, mettendo in luce la logica terrificante della Soluzione Finale, la vita quotidiana del campo, gli eroismi e le nefandezze di perseguitati e persecutori.

- Victor Hugo: I miserabili (ediz. integrale)
Formato: copertina flessbile
Pagine: 1216
Editore: Crescere (30 settembre 2013)
ISBN-13: 978-8883372230
Sinossi: Il romanzo I miserabili viene pubblicato per la prima volta in Belgio nel 1862. In quegli anni Victor Hugo si trova in esilio sull'isola di Guernesey, davanti al golfo di Saint-Malo, dove lo ha costretto un decreto di Luigi Napoleone, divenuto imperatore grazie al colpo di stato del 1851. L'opera di Victor Hugo, insieme alla sua attività politica, viene infatti considerata rivoluzionaria. Massimo esponente del romanticismo in Francia, lo scrittore non si limita a parlare dei sentimenti umani, ma descrive nelle sue opere le condizioni reali della gente, le ingiustizie della società francese e le difficoltà quotidiane del popolo. I protagonisti del suo romanzo non sono personaggi di fantasia, ma i veri "miserabili" della Francia del tempo, le vittime reali delle disuguaglianze che si perpetrano nel paese e dei drammi sociali di quell'epoca: emarginati, prostitute, famiglie indigenti, lavoratori sfruttati, bambini costretti a crescere troppo in fretta... Hugo denuncia la drammatica situazione in cui si trovano migliaia di persone attraverso le vicende di Jean Valjean, un "miserabile"costretto a scontare vent'anni di prigione per aver rubato del pane, che riacquisterà, nel corso del romanzo, la sua dignità di uomo. Coraggioso e sempre attuale nel suo anelito alla giustizia sociale, I miserabili è il più grande romanzo della speranza.

- Gottfried A. Bürger: Le meravigliose avventure del barone di Münchhausen
Formato: copertina flessibile
Pagine: 114
Editore: Dalai Editore (10 aprile 2012)
ISBN-13: 978-8866203315
Sinossi: La genesi di questo libro non è del tutto lineare. Un nucleo originario di racconti apparve anonimo su un periodico umoristico berlinese nel 1781: un'abbreviazione nel titolo fece supporre che l'autore fosse il barone Hieronymus Karl Friedrich von Munchhausen (1720-1797), ma sembra più probabile che questo curioso personaggio - di "originalissimo umore" - sia stato solo l'ispiratore delle storie redatte poi dal pubblicista Rudolf Erich Raspe (1737-1794), che in un'edizione rielaborata in inglese e pubblicata a Oxford nel 1785 esplicitò il nome del barone come narratore di quelle avventure. Quel testo inglese fu tradotto in tedesco e nuovamente rielaborato con stile personalissimo da Bürger, e in questa veste meritò la fama di cui ancora oggi ampiamente gode.

domenica 16 luglio 2017

National Geographic Italia: i numeri di marzo e aprile 2000

----- Marzo 2000 -----
- Parco nazionale del Madidi: È una delle foreste pluviali pii ricche di biodiversità dell'America del Sud. Ma sul suo futuro incombe una minaccia: la costruzione di una diga idroelettrica che allagherebbe per sempre quest'area, ancora in gran parte inesplorata.
- La mia giungla. Il sogno di un fotografo può trasformarsi nel suo peggiore incubo. Ne sa qualcosa Joel Sartore, in missione nel Madidi fra pecari assassini, pipistrelli e larve che si insinuano sotto la pelle.
- La nuova guerra fredda. Sotto i ghiacci dell'Artide, un'équipe di scienziati a bordo di un sottomarino della Marina Usa raccoglie dati su acque sconosciute e sulle variazioni climatiche.
Antica Grecia III. La storia di Alessandro Magno e della sua campagna di conquiste durata 12 anni, al termine della quale la cultura greca unì per tre secoli le civiltà dall'Egitto alla valle dell'Indo.
- Da Selma a Montgomery. Nel marzo del 1965, da una cittadina dell'Alabama, partì una marcia di protesta diretta alla capitale dello Stato. La manifestazione spinse il Congresso Usa ad approvare la legge che garantì il diritto di voto agli afroamericani.
- Cerro Torre. Nell'implacabile inverno della Patagonia, un pugno di audaci alpinisti sfida una delle vette più impervie del mondo.
- Pechino. Meta ambita degli investitori stranieri e in pieno boom economico, l'antica capitale della Cina cambia volto. I suoi abitanti si confrontano con nuove aspettative e un diverso stile di vita.

----- Aprile 2000 -----
- Yemen. Giovane repubblica in abiti medievali, lo Yemen è un Paese pieno di contraddizioni: le donne velate hanno diritto al voto e gli uomini delle tribù girano armati di pugnale e telefono cellulare.
- Chiquibul. Sul confine tra Belize e Guatemala, un'équipe di speleologi e sommozzatori esplora una rete di passaggi sommersi che si ritiene uniscano un complesso di grotte lungo 95 chilometri.
Natura & Medicina. Per scelta o per necessità, milioni di persone curano i propri malanni con i rimedi tradizionali. Ma la medicina naturale funziona davvero? E la scienza è in grado di svelare i suoi misteri?
- Ultime notizie dal campo. I beneficiari della Society viaggiano da un capo all'altro del mondo per calcolare l'altezza dell'Everest o studiare le barriere coralline delle Fiji. Il loro compito può essere difficile o pericoloso, ma è sempre un'avventura.
- Fiume San Pedro. Oasi per gli animali del deserto e gli uccelli in migrazione, le acque del San Pedro rischiano di essere prosciugate dalle assetate città dell'Arizona.
- Un ornitorinco a Melbourne. Creatura bizzarra e sfuggente che in passato nuotava fra i dinosauri, oggi l'ornitorinco vive nei corsi d'acqua dell'area metropolitana di Melbourne.
L'ultima missione. Nel 1944, il sottomarino giapponese I-52 fu affondato dall'aviazione Usa. Trasportava oro e materiali bellici per la Germania. Un'équipe di esperti scende a 5.240 metri di profondità per scoprirne i segreti.